Quantcast

Chiavetta: «Casamenti è distratto e non bada al bilancio della nostra comunità»

ORBETELLO – “Io penso che il buon governo della nostra comunità sia un un problema di tutti, oltre gli schieramenti e le divisioni politiche. Amministrare bene è un obiettivo che deve unire non dividere”, ad affermarlo è il candidato sindaco del centrosinistra Mario Chiavetta.

“Qualche settimana fa – prosegue -, in maniera propositiva, ho offerto al sindaco Andrea Casamenti aiuto per la composizione del bilancio. Ha rifiutato. Il risultato è che ha convocato il consiglio comunale sul bilancio, poi lo ha rinviato e sarà costretto a fare un’integrazione all’ordine del giorno. L’amministrazione è confusa e la conseguenza è che Orbetello non ha ancora un bilancio.

Le elezioni imminenti non possono essere una giustificazione perché, al contrario, dovrebbe stimolare una maggiore attenzione nei riguardi della comunità, e il bilancio è lo strumento principale per trasformare la volontà in azioni concrete. Senza cura (e senza cuore) possono sfuggire tante cose.

Faccio un esempio tra tanti: la piazza di Orbetello scalo e la piscina. Con la vendita del fondo alla Conad il Comune ha incassato circa 800 mila euro. Quell’importo doveva essere finalizzato a realizzare la progettazione della piscina e la piazza di Orbetello scalo. Lavori che sono magicamente spariti. Che fine hanno fatto quei soldi? A cosa sono stati destinati?

Il sindaco è distratto e ha perso un’altra occasione per amministrare in maniera trasparente forse preoccupato per il suo futuro personale, io, invece sono molto molto preoccupato per come troverò le casse del comune che sono formate con il denaro degli orbetellani. Spero che in questi anni, specialmente con questo ultimo bilancio, non si siano spesi più soldi di quanto avrebbe potuto fare.

Dopo Casamenti dovremo lavorare molto per garantire la ripartenza dei nostri territori, rendere più lievi tasse e tariffe, attivare tutti gli strumenti di sostegno alle imprese e al lavoro, favorire la modernizzazione dei sistemi pubblici e privati”, conclude.

Commenti