Quantcast

Casamenti: «Chiavetta stia tranquillo, lunedì approveremo il bilancio»

ORBETELLO – “Leggendo l’intervento di Mario Chiavetta sul bilancio di previsione abbiamo capito che è davvero in difficoltà e non ha più argomenti per cercare di far vedere che esiste”, dice il sindaco di Orbetello Andrea Casamenti, candidato alle prossime elezioni amministrative per il centrodestra.

“Comprendiamo che cercare di fare una lista litigiosa come la sua, dove dentro c’è tutto e il contratto di tutto e dove il numero di sigle è maggiore dei voti che rappresentano, non deve essere facile per Chiavetta – prosegue Casamenti -, che è come una pistola a salve.

Lunedì approveremo il nostro bilancio di previsione che sarà un bilancio per i cittadini con la conferma di tante diminuzioni di tasse locali. Il nostro è un bilancio solido che viene incontro ai cittadini con:
1) esenzione totale per attività commerciali dal pagamento del suolo pubblico;
2) ampliamenti liberi e gratuiti del suolo alle attività ristorazione;
3)conferma diminuzione Imu a negozi, botteghe, cinema, uffici, studi ,seconde case;
4) conferma esenzione addizionale comunale Irpef fino a 25mila euro con una platea di 3.500 persone che come lo scorso anno non pagheranno più la tassa;
5) conferma diminuzione Imu fabbricati agricoli.

Nonostante il regolamento di contabilità dell’ente comunale di Orbetello non lo preveda, abbiamo voluto concedere più giorni all’opposizione per studiare. Ci auguriamo che abbiano studiato bene però. Avremmo voluto discutere degli atti anche in commissione consiliare ma dell’opposizione non si è presentato nessuno a dimostrazione del fatto che a parte le polemiche campate in aria e strumentali non hanno interesse ad affrontare davvero le problematiche per i cittadini.

Chiavetta stia quindi tranquillo perché lunedì mattina il nostro bilancio sarà approvato come sempre senza problemi dato che nella nostra Amministrazione comunale unita e compatta non c’è un Chiavetta che nella passata legislatura aveva l’unico obiettivo di mettere in difficoltà la propria Amministrazione e non certo la risoluzione dei problemi dei cittadini”, conclude il primo cittadino.

Commenti