Termine non ci sta: «Il licenziamento è un attacco alla democrazia»