Quantcast
polo universitario università

“Uomini e animali”: la Notte europea dei ricercatori è online. Il programma

27/11/20

: - Inizio ore 17 - Fine ore 19

GROSSETO – Torna, per la quindicesima edizione, Bright night Grosseto, la Notte europea dei ricercatori, l’iniziativa promossa e co-finanziata dalla Commissione europea con l’obiettivo di avvicinare il grande pubblico al mondo della ricerca. Brightè l’acronimo di Brilliant reserchers inpact on growth health and trust in research (I ricercatori di talento hanno un impatto sulla crescita, la salute e la fiducia nella ricerca); i temi al centro dell’evento saranno tutti i campi della scienza, della cultura, della sostenibilità sociale e ambientale in riferimento all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e al 20esimo anniversario della Carta europea dei diritti.

La Notte dei ricercatori rappresenta un punto d’incontro in cui i cittadini e l’Università si incontrano, dialogano, si integrano per celebrare insieme la Ricerca; infatti mai come in questo momento storico la trasmissione della conoscenza e la comunicazione dei risultati conseguiti dai ricercatori si rivelano imprescindibili per una corretta informazione sull’attuale stato delle cose, sulla consapevolezza e sul comportamento della società.

Un’edizione digitale, quella di Bright 2020, in cui la tecnologia e la comunicazione multimediale saranno alleate nel dialogo tra i ricercatori ed il pubblico per far conoscere, attraverso un linguaggio semplice ed accattivante, il lavoro svolto nei laboratori e negli spazi di ricerca.

Le città italiane coinvolte saranno 84, tra cui Grosseto.

La Fondazione Polo Universitario Grossetano e l’Ente proponente cioè il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena, insieme alla Fondazione Grosseto Cultura con il Polo Culturale Le Clarisse e il Museo di Storia Naturale della Maremma, al Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, al Comune di Grosseto, all’Archivio delle tradizioni popolari della Maremma, al Bioscience Research Center ed al Centro Ricerche Crisba- Isis  “Leopoldo II di Lorena” celebreranno la Notte dei ricercatori il 27 novembre dalle ore 17 alle 19.

Parole chiave dell’evento saranno: animali, uomini, ecosistema, sostenibilità. Il rapporto tra uomini e animali sarà presentato in una maratona di interventi in videoconferenza, in cui i diversi punti di vista troveranno voce e testimonianza.

Programma:

Videoconferenza UOMINI E ANIMALI. STORIA DI UN LEGAME INDISSOLUBILE ATTRAVERSO IL TEMPO, dalle ore 17 alle 19. I relatori, collegati in diretta live, interverranno con brevi speech di massimo 15 minuti:

– Ore 17,00, Saluti di benvenuto, a cura di Luca Agresti, vicesindaco Comune di Grosseto e Gabriella Papponi Morelli, presidente Fondazione Polo Universitario Grossetano

– Ore 17,15, Uomini e animali nei dipinti della Collezione Luzzetti, a cura di Mauro Papa, Polo Culturale Le Clarisse;

– Ore 17,30, Prede e compagni. Uomini e animali tra Paleolitico e Neolitico, a cura di Matteo Penco, Sagas UniFI e Dssbc Unisi;

– Ore 17,45, Rapporto uomo/animale nel mondo longobardo tra cultura materiale e riti funerari, a cura di Chiara Valdambrini e Matteo Penco, Museo Archeologico e d’Arte della Maremma;

– Ore 18,00, Uomo e cane: un rapporto millenario, a cura di Dario Borrello, Sagas UniFI e Dssbc Unisi;

– Ore 18,15, Uomini che diventano animali e animali che si umanizzano nelle narrazioni di tradizione orale della Maremma e dell’Amiata: la ricerca di Roberto Ferretti e dell’Archivio delle tradizioni popolari, a cura di Paolo Nardini, Archivio delle tradizioni popolari della Maremma;

– Ore 18,30, Il rapporto uomo-piante: storie di coevoluzione, ricerca, cura e incuria, a cura di Lorenzo Moncini, Centro Ricerche Crisba – Isis “Leopoldo II di Lorena”;

– Ore 18,45, Breve storia naturale del pianeta terra. Come l’interazione tra uomo ed altri esseri viventi ha condizionato l’evoluzione delle società attuali, a cura di Andrea Sforzi, Museo di Storia naturale della Maremma;

– Ore 19,00, Contaminazione da metalli nella dieta umana: evidenze storiche e problematiche attuali, a cura di Monia Renzi, Bioscience Research Center.

Modalità di partecipazione: l’evento potrà essere seguito gratuitamente collegandosi al link http://meet.google.com/aet-ewxp-rfx disponibile sul sito www.polouniversitariogrosseto.it.

Sarà inoltre disponibile durante il pomeriggio del 27 e la mattina del 28 novembre il contributo dal titolo “Lo scarto ci fa belli: nuovi prodotti tra biocosmetici e farmaci”, a cura di Ottavia Spiga del Dipartimento di Biotecnologie dell’Università di Siena. Link: https://www.bright-night.it/siena-bioactive-lo-scarto-ci-fa-belli-nuovi-prodotti-tra-biocosmesi-e-farmaci/

Segreteria organizzativa: Tel.0564-441110; senserini@unisi.it

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!