Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Santa Fiora

Ultimo atto per il Festival Internazionale di Santa Fiora: in scena “Il Rigoletto”

25/08/18

EVENTO GRATUITO
: Santa Fiora Santa Fiora, GR, Italia - Inizio ore 21,15

Attenzione l'evento è già trascorso

SANTA FIORA – Gli organizzatori del Festival Internazionale di Santa Fiora in Musica presentano l’ultimo appuntamento del 2018 che si terrà il 25 agosto alle 21 e 15 in piazza Garibaldi: in scena “Il Rigoletto” di Giuseppe Verdi.

«L’edizione 2018 del Festival – spiegano gli organizzatori – ha visto oltre 1000 presenze paganti nel corso delle sue rappresentazioni, portando in cima all’Amiata artisti di grande calibro internazionale, ben tre orchestre, tre big band, vere chicche quali il Trio Bobo o la violinista-vocalist cubana Yilian Cañizares e la parata di star che ha celebrato i 40 anni dalla fondazione del Coro dei Minatori di Santa Fiora»

Con un cast tutto italiano ma premiato da una brillante carriera internazionale, in cima all’Amiata arriverà il Rigoletto, opera iconica di Giuseppe Verdi, uno sforzo produttivo impensabile per un paese che non abbia le dimensioni e le economie di una grande città. Ed è proprio l’unicità del caso Santa Fiora che rende questa produzione del Rigoletto preziosa oltre agli indiscussi valori artistici del cast e dell’orchestra. E di nuovo un’importante orchestra nata nel cuore di Firenze, viene a sostegno dell’iniziativa santafiorese, confermando la capacità del borgo di dialogare con efficacia con le istituzioni artistiche di Roma e del centro toscano con grande competenza e creatività.

Rigoletto, Maurizio Leoni
bolognese eclettico per indole ha approfondito e frequentato diversi ambiti della musica classica vocale: ha vinto il 1° Premio assoluto al Concorso “Caravita” di Musica da Camera esibendosi in svariati concerti liederistici, oratoriali e sinfonici in tutta Italia –dalla Sala Verdi a Milano a Santa Cecilia a Roma – ed è componente stabile di 3 formazioni da camera come il Notschibikitschi Ensemble (tre voci e tre clarinetti). ha al suo attivo 14 Prime assolute nell’ambito dell’opera contemporanea – GESUALDO CONSIDERED AS A MURDER di L. Francesconi ad es. – e diverse esperienze nella produzione del ‘900: IL PRIGIONIERO col M° Pesko di L. Dallapiccola al Teatro Massimo di Catania, MARE NOSTRUM di e con il M. Kagel alla Biennale di Venezia. molti i ruoli operistici debuttati: da LEPORELLO col M° Malgoire a MARCELLO e SCHAUNARD col M° Renzetti, da GUGLIELMO del Così fan tutte a SCARPIA col M° Panni a Lecce, da FIGARO ne il Barbiere di Siviglia a RIGOLETTO col M° Agiman, GIORGIO GERMONT in Traviata in diversi Teatri italiani (Regio di Torino, Opera di Roma, La Fenice, Comunale a Bologna ) ed esteri (Operà Comique di Parigi, Bunka Kaikan di Tokyo). infine, ma non per finire, ha svolto, da una parte anche attività d’attore: VESPONE, mimo della Serva Padrona, Bure Baruta al Teatrto2 di Parma o un “classico” Goldoni ne “L’Impresario delle Smirne” per il Teatro Stabile di Torino; e dall’altra di regista : Il Maestro di Scuola di Telemann (per il quale ha anche fatto la traduzione ritmica) al Verdi di Pisa, La Zingara di da Capua al Festival di Narni e Don Giovanni di V. Righini al Belcanto Festival di Dordrecht (Olanda).Docente di Canto, prima nel 2006 alla Suwon University (Corea del Sud) poi dal 2007 presso diversi Conservatori italiani (Potenza, Ferrara,Cremona), è stato anche coach per 4 anni al Festival di Verbier e docente master per professori presso la North-West University in Ladjou (Cina).

Gilda -Sabrina Enrichi
Nata a Siena inizia i suoi studi vocali all’età di 15 anni.Nel 1996 si diploma in Canto Lirico presso l’Istituto Musicale “R. Franci” di Siena con il massimo dei voti.Dal 1996 al 2000 collabora con il coro del Teatro Regio di Torino partecipando a numerose ed importanti produzioni fra le quali “La Traviata”, “Turandot”, “Lucia di Lammermoor”, “Boris Godunov” sotto la direzione di Maestri come Muti, Oren, Mauceri, Gelmetti, ecc.Si è esibita in molte città italiane dimostrando una varietà di repertorio che va da Pergolesi e Rossini fino a Verdi e Puccini; da ricordare, fra i vari concerti, lo “Stabat Mater” di Pergolesi accompagnata dai solisti del Maggio Musicale, “Navidad Nuestra” di Ramirez con i Polifonici Senesi diretti dal M° A. Morelli al Teatro dei Rinnovati di Siena, il Galà lirico-sinfonico con l’orchestra filarmonica di Satu Mare (Romania) diretta dal M° C. Volpini a San Gimignano.Nel 2006 ha debuttato nel ruolo di Serpina ne “La Serva Padrona” di Pergolesi al Teatro dei Leggieri di San Gimignano e nel ruolo di Gilda nel “Rigoletto” di Verdi.Attualmente sta svolgendo con un’intensa attività concertistica e operistica in varie città italiane, riscuotendo sempre unanimi consensi di pubblico e di critica.Tra gli altri ruoli ad oggi debuttati si ricorda: Violetta – “La Traviata” di Verdi, Musetta e Mimì – “Boheme” di Puccini, Micaela – “Carmen” di Bizet, Rosina/Berta – “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, Oscar – “Un ballo in maschera” di Verdi, Lucia – “Lucia di Lammermoor” di Donizetti, Zerlina – “Don Giovanni” di Mozart, Papagena e 2° Dama – “Il Flauto Magico” di Mozart, Adina – “Elisir d’amore di Donizetti.

Duca di Mantova, Massimiliano Pisapia
Raffinato interprete del repertorio italiano, dopo il suo brillante debutto nel panni di Pinkerton diretto da Riccardo Chailly, intraprende una rapida ed intensa carriera che l’ha condotto sui palcoscenici di alcuni dei maggiori teatri e festival del mondo: Teatro alla Scala di Milano, Operhaus di Zurigo, Bayerische Staatsoper di Monaco, Operhaus di Lipsia, Teatro Regio di Parma, Opèra Bastille di Parici e Festival Pucciniano di Torre del Lago

Maddalena, Giovanna Giorgia Bertagni
Nata a Genova ha intrapreso lo studio del canto sotto la guida del mezzosoprano Franca Mattiucci.
Finalista e vincitrice di numerosi concorsi, fra i quali Concorso Comunità Europea di Spoleto, Concorso As.Li.Co., Concorso Internazionale “Riccardo Zandonai” di Rovereto, secondo premio al Concorso Internazionale “Tito Gobbi”, primo premio al Concorso Internazionale “Roero in Musica”, presieduto da Magda Olivero. Si è perfezionata in seguito a Vignola presso il “Centro di Belcanto Cubec” sotto la guida di Mirella Freni.
È stata Tisbe nella Fiaba di cenerentola nell’ambito del progetto Opera Domani dell’As.Li.Co, ruolo che successivamente ha interpretato nella Cenerentola di Rossini a Cremona, Brescia, Pavia e Como. Ha cantato al Teatro San Carlo di Napoli nell’Affare Makropoulos a fianco di Raina Kabaivanska (con la regia di Luca Ronconi). Ha partecipato alle produzioni della Traviata (Flora; Savona e Bassano del Grappa), Madama Butterfly (Suzuki; Savona, Festival Umberto Giordano di Foggia e Festival di Riva del Garda), Rigoletto (Maddalena), Notte di un nevrastenico e e Due timidi di Nino Rota (Treviso, Como).
Nel 2005 ha frequentato l’Accademia di Alto perfezionamento presso la Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino e ha preso parte alle produzioni del Viaggio a Reims di Rossini, La canterina di Haydn, Il barbiere di Siviglia di Rossini e Where the wild things are di Oliver Knussen.
Attiva anche in campo concertistico ha cantato il Requiem di Verdi, la IX Sinfonia di Beethoven, il Gloria di Vivaldi, lo Stabat Mater e la Petite Messe Solennelle di Rossini, il Requiem di Mozart, Sette canzoni popolari spagnole di Manuel De Falla e le Canzoni di Kurt Weill.
Ha interpretato La bella e la bestia di Tutino al Teatro Comunale di Modena,Cavalleria rusticana (Lola) ad Alessandria, Falstaff (Meg) al Teatro Magnani di Fidenza, L’amour des trois oranges (Linette) di Prokofiev al Teatro Carlo Felice di Genova, Otello (Emilia) di Verdi al Teatro Regio di Parma (con la direzione di Bruno Bartoletti), Suor Angelica di Puccini al Teatro Verdi di Trieste, Oberto Conte di San Bonifacio (Imelda) di Verdi al Festival Verdi di Parma, La traviata (Flora) al Teatro delle Muse di Ancona. La stagione 2009/10 l’ha vista impegnata in Rigoletto (Giovanna) al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Lucia di Lammermoor (Alisa) al May Festival di Wiesbaden, La traviata (Flora) e Cavalleria rusticana (Mamma Lucia) all’Opera Giocosa di Savona. Nella stagione scorsa è stata la Sacerdotessa in Aida all’Arena di Verona e Zulma ne L’Italiana in Algeri all’Opera Giocosa di Savona e Octavian in Rosenkavalier di Strauss per un progetto per le scuole al Teatro Maggio Musicale Fiorentino. Recentemente a partecipato ad una tournee in vari teatri della Germania interpretando Maddalena in Rigoletto.

Sparafucile, Antonio Marani
Nato a Ferrara, risiede attualmente a Bologna. Dopo gli studi classici ed il diploma in canto al Conservatorio di Padova prosegue e perfeziona lo studio del canto con il Maestro Claude Thiolas e con Rodolfo Celletti. Ha approfondito il lavoro scenico con il regista Virginio Puecher. Ha perfezionato il repertorio cameristico con Elio Battaglia e Gerard Souzay. E’ laureato con il massimo dei voti e lode in Musicologia (con una tesi sui lavori corali di Goffredo Petrassi), presso l’Università di Bologna. Vincitore del Concorso di canto vocale da camera di Conegliano. Debutta in teatro nelle Nozze di Figaro al Teatro Comunale di Treviso. Negli anni successivi è più volte protagonista al Teatro dell’Opera Giocosa di Savona in riprese di opere spesso in prima esecuzione moderna. E’ presente in molti teatri: Regio di Parma, Comunale di Bologna, dell’Opera di Roma, Arena di Verona, Carlo Felice di Genova, Festival di Martina Franca, Regio di Torino, Massimo di Palermo, Bellini di Catania e molti altri. Ha cantato sotto la direzione dei maestri Arena, Bartoletti, Bellugi, Benedetti Michelangeli, Bertini, Bonynge, Campori, Chailly, Cillario, David, Desderi, De Bernart, Handt, Jurowsky, Kuhn, Lombard, Maag, Magiera, Oren, Palumbo, Ranzani, Severini, Thielemann, Veronesi. E’ ancora protagonista al Teatro dell’Opera Comique di Parigi e alla Konzerthaus di Vienna di vari titoli rossiniani. Paralleamente a quella teatrale svolge attività concertistica, con particolare riferimento alla liederistica tedesca e al repertorio oratoriale sinfonico.

Direttore d’orchestra, Fabiano Fiorenzani
Fabiano Fiorenzani si è diplomato sotto la guida del professor Arrigo Melosi presso l’Istituto Musicale “Pareggiato” P. Mascagni di Livorno nel 1985. Inizia la sua carriera con l’Orchestra del Festival Pucciniano dal 1983 al 1992, quando in quest’anno è vincitore di concorso per il posto di II° trombone nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Nel 2002 vince il posto nella stessa orchestra per I° trombone, dove tutt’ora svolge questa attività. Ha collaborato con l’Orchestra di Santa Cecilia, L’Orchestra Teatro alla Scala, l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana e con alcuni tra i più importanti direttori d’orchesta quali: Z. Mehta, D. Baremboim, R. Muti, A. Pappano. L. Maazel. E’ docente all’istituto musicale R. Franci di Siena per i corsi di alto perfezionamento, per la classe di Trombone.

Orchestra del Carmine di Firenze
’Associazione “Il Carmine”, presente e attiva in Firenze dal 2002, ha costituito al suo interno anche un’Orchestra che da subito si è imposta nel panorama musicale per la sua particolarità. Ad un mese dalla sua creazione, Aprile 2007, l’orchestra fa la sua prima apparizione il 24 Maggio all’Auditorium di Santa Cecilia a Roma ( Sala Petrassi) con Antonella Ruggiero , diretti da Andrea Dindo. Subito dopo ottiene l’Appalto Ministeriale come Orchestra Professionista per il biennio 2008-2009 presso il Conservatorio Statale di Musica Luigi Cherubini di Firenze, lavorando contemporaneamente con enti musicali e culturali all’estero. L’Orchestra è stata voluta da numerosi musicisti che concordemente hanno deciso di abbandonare la precedente Associazione Musicale con la quale collaboravano da anni in Firenze, per ricominciare da capo.

Perché questa scelta In questi ultimi anni tutte le realtà musicali che sono apparse a Firenze sono nate da musicisti desiderosi di affermarsi come Direttori d’Orchestra pur non avendone conseguito gli studi accademici. Ciò ha creato una situazione statica all’interno della quale il Direttore è contemporaneamente fondatore, amministratore e direttore unico senza mai consentire un fluire di esperienze e contatti come è e deve essere nell’ambito dei teatri e nella vita delle orchestre. I soci fondatori dell’Orchestra del Carmine, lavorano e collaborano stabilmente con Enti Musicali di Stato : Kammeroper Munchen ORF, Tiroler Festspiele Erl, Windkraft Tirol, Chamber Orchestra of New York, Contempoartensemble, Orchestra Haydn – Bolzano, Teatro Comunale di Firenze, Accademia Barocca di Perugia, etc…E’ dalla loro esperienza personale che è nata la volontà di creare un’orchestra che accolga al suo interno la più ampia apertura verso tutto ciò che riguarda la musica e il mondo culturale che con essa si interseca. Riteniamo, in questo contesto, che più che un elenco delle nostre attività e partecipazioni sia maggiormente rappresentativo per noi il fatto che il maestro Bruno Rigacci, tra i più importanti compositori italiani e compositore di fama internazionale, ci abbia affidato la prima esecuzione mondiale di due sue Opere Teatrali, opere peraltro ambite da altri e più famosi enti.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!