Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Cassero 2018

Torna il giovedì di Grofest con libri e musica

26/07/18

EVENTO GRATUITO
: Cassero senese di Grosseto Cassero Senese, Via Aurelio Saffi, Grosseto, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – Giovedì 26 luglio alle 21.30 nello spazio eventi del Cassero di Grosseto – all’interno degli eventi organizzati dal Festival di Fotografia Grofest – Valerio Bispuri presenterà il suo secondo libro pubblicato da Contrasto, “Paco, A drug story”. Con l’autore converserà Valentina Notarberardino, responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione di Contrasto.

Paco, il cui nome si riferisce a una droga devastante nata in Sudamerica, è il reportage a cui il fotografo ha lavorato per 14 anni in contemporanea con Encerrados (un viaggio il 74 carceri sudamericane), il primo libro di Bispuri pubblicato da Contrasto nel 2015. Il volume ha un’introduzione dello scrittore Marco Lodoli e un testo del giornalista César Gonzalés.

Diffusosi a partire dagli anni Novanta soprattutto in alcune zone di Buenos Aires e – in seguito – nelle favelas e nelle periferie di tutto il Sudamerica, il consumo di paco è aumentato notevolmente agli inizi del duemila. Si tratta di una droga estremamente nociva ottenuta con gli scarti della lavorazione della cocaina, miscelati a cherosene, colla, veleno per topi o polvere di vetro. I giovani, che sono i consumatori più̀ assidui, arrivano ad aver bisogno di assumere fino a venti dosi al giorno di paco con conseguenze devastanti poiché dà immediata assuefazione.

Durante la presentazione, coadiuvato dalle proiezioni delle immagini presenti nel libro, Valerio Bispuri racconterà di come, bendato per non riconoscere il posto, è riuscito a farsi accompagnare in una di quelle che vengono chiamate le “cucine della droga”; ci parlerà di quello che ha visto, di quello che ha provato nei momenti in cui fotografava queste vite distrutte dei consumatori di paco, dei suoi viaggi tra Argentina, Brasile, Perù, Colombia e Paraguay. Nel corso degli anni le immagini di Paco sono state pubblicate sulle più importanti testate internazionali. Nel libro ci sono anche molte fotografie inedite che vengono mostrate per la prima volta in questa pubblicazione.

Valerio Bispuri, fotoreporter professionista dal 2001, collabora con numerose riviste italiane e straniere, tra cui Repubblica, Internazionale, Paris Match, Stern e El Pais. Ha realizzato reportage in Europa e Medio Oriente, ma è in America Latina che Valerio ha lavorato e lavora da tempo. Per dieci anni si è occupato di “Encerrados”, un progetto fotografico sulle condizioni di vita dei “rinchiusi” nelle carceri di tutti i paesi del continente latino-americano, visitando 74 carceri maschili e femminili. Il lavoro “Encerrados” è stato esposto al Visa pour l’Image a Perpignan (2011), al Palazzo delle Esposizioni di Roma, all’Università di Ginevra, al Browse Festival di Berlino, al Bronx Documentary Center (BDC) di New York. Nel 2015 “Encerrados” è diventato un libro edito sempre da Contrasto. Nel 2017 Valerio ha terminato dopo oltre 14 anni il progetto “Paco” che presenterà a Grofest e che è stato esposto nel 2014 a Istanbul dalla Croce Verde Interazionale e nel 2016 al Visa pour l’Image di Perpignan, dove è arrivato finalista al Visa d’Or.  Valerio si è occupato a lungo anche della vita dei Rom in Italia e in Bosnia e di un lavoro sul mondo lesbico, seguendo per sei anni Betania, una ragazza lesbica Argentina. Molti di questi lavori gli sono valsi numerose pubblicazioni e premi a livello internazionale, tra cui il Poy America Latina 2011, il Sony World Photography Awards 2013 (1° posto, Contemporary Issues), il Days Japan International Photojournalism Awards 2013, il Poy 2015 (2° posto, Feature Story Editing – Magazine). Recentemente Bispuri ha intrapreso altri tre progetti a lungo termine: uno dedicato agli istituti penitenziari italiani, diventando il primo fotografo ad avere accesso all’interno di alcune delle carceri più antiche e affollate, tra cui Poggioreale, Regina Coeli e l’Ucciardone; il secondo sulle donne vittime della tratta in Argentina e il terzo sulla realtà dei sordi.

Dopo la presentazione, nell’area bar, si esibirà il live duo acustico dei musicisti Simona Lippi alla voce e Andrea Flaminio al piano, propone un’ampia scaletta dalla veste elegante e coinvolgente, da ascoltare e da cantare: le più belle canzoni italiane ed i successi internazionali vengono proposti con arrangiamenti originali dal sound talvolta morbido ed elegante, talvolta nuovo e dinamico. Da Mia Martini ad Elisa ai cantautori italiani, da Stevie Wonder, Norah Jones, Alicia Keys a Adele e Noa,

solo per citarne alcuni.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.grofest.it o scrivere all’indirizzo: segreteria@grolab.it.

 

 

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!