Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Marco Schiavo e Sergio Marchegiani

Rossini e Brahms per il concerto di apertura dell’Orbetello piano festival alla Parrina

14/07/19

EVENTO A PAGAMENTO
: Fattoria La Parrina Antica Fattoria La Parrina, Albinia, GR, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

ORBETELLO – Ottava edizione per Orbetello Piano Festival che inaugura domenica 14 luglio alle 21.30 all’Antica Fattoria La Parrina con il duo pianistico Marco Schiavo e Sergio Marchegiani.

Per questo primo appuntamento della rassegna la direzione artistica di Giuliano Adorno sceglie la formula del pianoforte a quattro mani con un recital intitolato “Dances” che offre all’ascolto una selezione dalle 21 Danze Ungheresi per pianoforte a quattro mani WoO1 di Brahms e un’ouverture da “La gazza ladra” di Gioachino Rossini.

In occasione del concerto sarà possibile cenare all’Antica Fattoria La Parrina, una delle aziende agricole più affascinanti della Maremma Toscana che ospita e sostiene il festival e che per l’occasione ha organizzato un gran buffet Maremmano,  a base dei prodotti aziendali, con inizio alle ore 19 nel giardino. Il costo del buffet Maremmano è di 25 euro a persona escluse le bevande, con prenotazione obbligatoria allo 0564 862626 – 3317544169 – agriturismo@parrina.it (posti limitati).

Il costo del concerto è di 10 euro ridotto a 5 euro per gli under 18. Info e prenotazioni: www.orbetellopianofestival.it +39 389 2428801 – info@orbetellopianofestival.it.

Il duo Marco Schiavo e Sergio Marchegiani, ben collaudato da quasi quindici anni di attività artistica, aveva recentemente registrato per l’etichetta Decca le Danze ungheresi e i 16 Valzer op.39 di Brahms. Al centro della registrazione dunque la danza, espressione musicale che nella Vienna del compositore era molto rappresentativa della vita culturale e sociale della città. Nella Danze, che saranno eseguite dal vivo all’Antica Fattoria La Parrina, Brahms fissò sulla carta la tradizione musicale zigana, che conosceva anche grazie alla sua collaborazione giovanile con l’estroso e poliedrico violinista Eduard Reményi, un virtuoso dello strumento, personaggio inquieto ed eccentrico di grande fascino. La vivacità e la passione si intrecciano a un elemento di mistero nella musica zigana, connotata da particolari figurazioni ritmiche, da ardite invenzioni armoniche, elementi che Brahms fece propri assimilandoli al proprio stile e conferendo nuova brillantezza e nuova vita a questa tradizione che era stata prevalentemente orale.

Sergio Marchegiani, già ospite in una delle passate edizioni di Orbetello Piano Festival, così annuncia l’evento: “Un ritorno particolarmente gradito per me questo, perché Orbetello Piano Festival si svolge in un territorio magnifico. Questa volta tornerò con un collega e amico con cui suono da quasi quindici anni, Marco Schiavo, e il programma che eseguiremo è in gran parte dedicato alle Danze Ungheresi di Johannes Brahms che abbiamo inciso per un disco uscito all’inizio dell’anno per Decca e intitolato “Dances”. Qui ad Orbetello eseguiremo un’ampia selezione di Danze ungheresi e completeremo il programma con una Ouverture da un’opera di Rossini, La gazza ladra, una trascrizione naturalmente, mentre le danze sono state scritte appositamente per pianoforte a quattro mani. Molti conoscono queste danze per le numerose trascrizioni orchestrali ad opera di autori diversi (lo stesso Brahms ne trascrisse tre), ma la loro scrittura originale era appunto per pianoforte a quattro mani e quindi costituiranno la parte principale della serata.”

“La mia prima volta a Orbetello Piano Festival, qualche anno fa, suonai Chopin a Torre delle Saline, un luogo molto speciale, magico, che si presta ottimamente ad un concerto di musica classica aggiungendovi la bellezza e l’incanto” aggiunge Marchegiani. “L’idea che un festival musicale porti la musica in luoghi non convenzionali a me piace particolarmente perché ho sempre pensato che lo spazio in cui un concerto si tiene influenzi molto l’atmosfera della serata. Ovviamente ci sono i luoghi appositamente pensati per la musica, però ci sono anche spazi diversi che forse non hanno in alcuni casi le caratteristiche adatte ma il cui contesto può regalare al concerto qualcosa di diverso, di speciale e di unico. Dunque l’idea di questo festival di andare alla ricerca di spazi di grande fascino e suggestione in laguna è particolarmente felice e non può che farmi piacere partecipare a questo progetto”.
Orbetello Piano Festival è un festival di pianismo classico organizzato dall’Associazione Kaletra Contemporanea con la direzione artistica di Giuliano Adorno e la direzione organizzativa di Beatrice Piersanti, con il sostegno dell’Amministrazione Comunale di Orbetello-Assessorato alla cultura e di numerosi sponsor locali, in un’ottica di valorizzazione delle eccellenze del territorio.

L’Antica Fattoria La Parrina è un ricordo che vive nel presente. Nata nel 1830 per volere del banchiere fiorentino Michele Giuntini, conserva all’interno dei suoi 600 ettari di terreno le testimonianze di uno straordinario passato, unite ai moderni servizi. Giunta ai giorni nostri con tutto il fascino e la bellezza dei paesaggi di Maremma è oggi un’azienda agricola all’avanguardia che produce formaggi biologici, vini pluripremiati, frutta e olio extravergine di oliva Igp Toscana. Antica Fattoria La Parrina è anche  agriturismo, ristorante e location di importanti iniziative culturali durante tutto il corso dell’anno.

Come arrivare alla Parrina, Albinia – Orbetello: bivio Aurelia km 146 girare sulla SP La Parrina e al km 1+800 prendere il bivio verso l’azienda www.parrina.it

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!