Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Cava di Roselle

Radio Ghetto Relay e un documentario per parlare di caporalato. Appuntamento alla Cava

12/07/17

EVENTO GRATUITO
: Cava di Roselle 42.796062, 11.157078

Attenzione l'evento è già trascorso

ROSELLE – Arte e impegno sociale saranno al centro dell’appuntamento con “Arte in Cava”, in programma per domani, mercoledì 12 luglio, alle 22 alla Cava di Roselle. Protagonista dell’incontro la regista Alessandra Ferrini con il suo documentario “Radio Ghetto Relay”, un lavoro che prende avvio dall’esperienza di Radio Ghetto, emittente realizzata da migranti, lavoratori stagionali, che vivevano nel ghetto di Rignano Garganico (Foggia) in Puglia e che hanno dato vita a un progetto di comunicazione partecipata, per dare voce al disagio dei tanti braccianti a nero, che sperimentano condizioni di lavoro e di vita disumane.

Radio Ghetto. Creata nell’estate del 2012 su impulso della rete “Campagna in lotta”, che ha portato nella baraccopoli pugliese la strumentazione necessaria per l’avvio delle trasmissioni, la radio ha trasmesso ogni estate fino alla distruzione del “Gran ghetto” nel marzo scorso. Durante le dirette, interamente curate dai braccianti africani con il supporto dei volontari, si sono trattati temi come le condizioni di vita e di impiego nelle campagne, il percorso migratorio, ma si è dato vita anche a momenti per esprimere sé e la propria arte, come i numerosi contest per i rapper che vivevano nel ghetto.
 
Radio Ghetto Relay. Alessandra Ferrini ha sviluppato il progetto durante una residenza d’artista al A-i-r Wro, a Breslavia in Polonia, nel 2015. Le voci raccolte, gli spezzoni di trasmissioni radiofoniche, sono accompagnati da immagini generiche, prese da google Earth e dal web: un modo per tutelare l’identità delle persone coinvolte – stranieri, talvolta irregolari, provenienti dall’Africa subsahariana – e allo stesso tempo enfatizzare il potere della parola e del messaggio e richiamare l’attenzione dello spettatore alle responsabilità.
Il dibattito. E proprio a partire dall’esperienza di Radio Ghetto e del fenomeno del caporalato, si parlerà nel corso di una conversazione con l’artista Alessandra Ferrini, Claudio Renzetti, segretario provinciale Cigl Grosseto, Marco Stefanelli, attivista di Radio Ghetto e radio producer.
 
Alessandra Ferrini. (Firenze 1984, vive e lavora a Londra) è un’artista visiva e filmmaker, ricercatrice presso la University of the Arts London. Tra collaborazioni, curatela, pedagogia, editoria, la sua ricerca è radicata in lens-based media, studi post-coloniali e pratiche storiografiche e archivistiche. Dal 2013 co-dirige Mnemoscape, piattaforma di ricerca, rivista online e progetto curatoriale. Ha partecipato alla prima edizione di A Natural Oasis? – A Transnational Research Project (BJCEM – Mediterranea 17) culminata nella omonima mostra a Viafarini (2015). È stata tra gli artisti di Orestiade Italiana, a cura di Simone Frangi per la sedicesima Quadriennale d’Arte di Roma (2016-2017). Nel 2016 è stata in residenza presso A-i-R Wro in Polonia, nel contesto di Wrocław Capitale Europea della Cultura 2016. Nel 2017 ha lavorato ad una commissione del dipartimento di educazione del Ma*Ga Museo Arte Gallarate che è attualmente parte di Global Learning, mostra a cura di Alessandro Castiglioni presso il museo. Tra le esposizioni personali: Negotiating Amnesia (P.A.C. Le Murate, Firenze) nell’ambito di Festival Dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario (2015) e Spaces of Memory alla iGong Gallery, Seoul, Korea (2018).
 
Informazioni.  La serata è a ingresso libero, bar e ristorante aperti dalle 19.30. Anche mercoledì sarà possibile visitare la mostra “Effetto T”, di Eleonora Vanni nell’ex opificio. Da giovedì 13 a sabato 15 luglio, la Cava ospita l’attesissimo Filo Sound Festival, dedicato alla musica indipendente italiana. Sul palco del giardino tra le pietre saliranno Ex-Otago, Abiku, Eugenio in via di Gioia per la prima serata, Fast animals and slow kids, Gazebo penguins, Pinguini tattici nucleari venerdì, per concludere sabato con Dargen D’Amico, Willy Peyote, Murubutu (ingresso per singola serata 11 euro + d.p., abbonamento per le tre serate 30 euro + d.p., info su www.filosoundfestival.it).
La programmazione completa srotolerà i suoi fili colorati nelle prossime settimane, attraverso il sito internet della Cava www.cavaroselle.net e i canali Social: www.facebook.com/CavaRoselle, Cava Roselle su Instagram e @CavaRoselle su Twitter.  La Cava vi aspetta in strada Chiarini a Roselle (Grosseto).

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!