Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Montemerano 2016

“Per sogni e per chimere”, la mostra su Puccini: se ne parla a Montemerano

07/07/18

EVENTO GRATUITO
: - Inizio ore 18.00

Attenzione l'evento è già trascorso

MONTEMERANO: L’Accademia del libro propone un incontro con il direttore della Fondazione Ragghianti di Lucca Paolo Bolpagni che introdurrà la mostra “Per Sogni e per Chimere” – Giacomo Puccini e le arti visive, attualmente in corso a Lucca alla Fondazione Ragghianti (fino al 23 settembre).

Grazie a quest’esposizione, e al monumentale catalogo che l’accompagna, la figura di Puccini si rivela in una prospettiva nuova e inedita, attraverso la sua relazione privilegiata con molti artisti: in un primo tempo, i toscani raccolti a Torre del Lago intorno al Club La Bohème (Ferruccio Pagni, Francesco Fanelli, Angiolo e Lodovico Tommasi), poi Plinio Nomellini, Luigi De Servi, Leonetto Cappiello e infine Galileo Chini, oltre a più episodici contatti con altri pittori, scultori, scenografi. Inoltre è stata investigata, sulla base di nuove ricerche d’archivio, l’esistenza di ulteriori legami di Giacomo Puccini con il mondo delle arti, analizzando il suo gusto visivo (e l’evoluzione che esso subì nel corso del tempo) e le vicendevoli connessioni tra l’estetica del compositore e quella della pittura e scultura italiane dagli anni ottanta dell’Ottocento fino alla metà del terzo decennio del XX secolo. Ne emerge per la prima volta un quadro utile per delineare i tratti e i confini di una sensibilità e di un clima espressivo di cui Puccini fu a sua volta interprete, e talora ispiratore, spesso intuitivo e geniale.

Paolo Bolpagni è storico dell’arte e docente universitario. Dopo aver diretto il museo Collezione Paolo VI – arte contemporanea, è ora direttore della Fondazione Centro Studi Ragghianti di Lucca. Coltiva in particolare alcuni specifici settori di ricerca: l’arte italiana ed europea e i rapporti tra pittura e musica tra fine ’800 e inizio ’900 (Visioni musicali. Rapporti tra musica e arti visive nel Novecento, 2009; Fortuny e Wagner. Il wagnerismo nelle arti visive in Italia, 2012); l’astrattismo internazionale, fino agli esiti cinetici e programmati (Mario Ballocco, 2009; Ritmi visivi. Luigi Veronesi nell’astrattismo europeo, 2011; All’Origine della forma. Mario Ballocco Alberto Burri Giuseppe Capogrossi Ettore Colla, 2013); le “partiture visive” e le ricerche verbo-visuali delle neoavanguardie; i rapporti fra l’arte e la dimensione del sacro nel ’900. È uno dei primi storici dell’arte a usare ampiamente i nuovi media: nel 2011 ha creato un canale YouTube di successo: “Regola d’arte”, in cui presenta video sull’arte contemporanea. Ha vinto nel 2013 il Premio Sulmona per la storia dell’arte.

Sabato 7 luglio alle 18.00 presso la Biblioteca comunale di Storia dell’arte di Montemerano

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!