Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
mauro andreini

“L’uomo che sapeva volare”: il libro di Mauro Andreini arriva in sala Pegaso

20/12/18

EVENTO GRATUITO
: Sala Pegaso Palazzo Aldobrandeschi, Piazza Dante Alighieri, Grosseto, GR, Italia - Inizio ore 15,30

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – Domani, giovedì 20 dicembre, alle ore 15.30, nella Sala Pagaso della Provincia, in Piazza Dante a Grosseto, presentazione del libro di Mauro Andreini, “L’uomo che sapeva volare”, romanzo ambientato nella Toscana del Settecento.

La storia si sviluppa e si interseca con il periodo delle riforme leopoldine, spesso in contrasto con il clero e la Chiesa, seguendo la vita e le vicende di un uomo accusato ingiustamente di un grave delitto.
Lungo un percorso contrappuntato di “bene e male”, luci ed ombre, in un contesto sociale che sta irreversibilmente cambiando, la trama del romanzo si dipana tra la Firenze di “Canapone” (così i maremmani chiamavano affettuosamente Leopoldo II), Massa Marittima, le carceri di Grosseto, con la sua “rota penale” e la ghigliottina, e le paludi della Maremma.

Una corsa contro il tempo e nel tempo, che finisce per far coincidere la necessità popolare di ricevere giustizia, con la necessità statuale di amministrarla correttamente. Fino all’incontro ideale tra l’innocenza visionaria del protagonista del romanzo e la volontà riformatrice di Pietro Leopoldo. Il Granducato di Toscana, infatti, è stato il primo Stato al Mondo ad abolire la pena di morte.

Mauro Andreini, da alcuni anni impegnato in attività di carattere umanitario, è stato per due volte sindaco di Gavorrano, e per un mandato assessore provinciale a Grosseto. Il suo impegno lo ha portato più volte in Iraq, dove ha realizzato un cortometraggio sulla condizione dei bambini, vittime di malattie e conflitti.
È autore del volume: “Io un giorno crescerò. Dall’inferno di Bagdad”.
Alla presentazione saranno presenti, con l’autore, l’editore, Guido Guastalla, il dottor Giandomenico Passavanti, curatore della prefazione del romanzo e l’antropologo, professore Vinicio Serino.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!