Quantcast
Cultura
martedì
24
Maggio

Lezione interattiva d’inglese al Cassero: gli studenti mettono in scena “The three chefs”

Evento Terminato

martedì
24
Maggio
Comprensivo 5 "The three chefs"
  • DOVE
  • CONDIVIDI

GROSSETO – Gli alunni delle classi 3 E e 3F della Scuola secondaria di primo grado G.B. Vico (Comprensivo Gr5) domani, 24 maggio alle ore 17, mettono in scena la rappresentazione dal titolo “The Three Chefs”, presso il Cassero senese.

The Three Chefs non è uno spettacolo “tradizionale” ma una lezione interattiva in lingua inglese realizzata con il metodo T.P.R. (Total Phisical Response); si tratta di una strategia comunicativa (Asher) che veicola la lingua straniera attraverso gesti che aiutano a comprendere e memorizzare vocaboli ed espressioni.

“Questo spettacolo rappresenta un gioco comunicativo ed è il risultato di un percorso linguistico-espressivo volto a favorire la socialità dei ragazzi in un periodo in cui la loro relazionalità è stata fortemente sacrificata – sottolineano le professoresse Maria Carla Maestrini ed Elena Magnani della scuola secondaria Vico -. È stata messa in campo un’energia incredibile e l’entusiasmo dei ragazzi rappresenta il segnale più significativo della validità della strada intrapresa”.

Il primo importante pubblico che ha assistito allo spettacolo, sono stati gli alunni della scuola primaria del Comprensivo 5 (Via Rovetta e Barbanella) che hanno potuto assistere in anteprima alla rappresentazione. La drammatizzazione si inserisce infatti in un progetto scolastico finanziato con fondi europei PON chiamato “Fratello maggiore” che intende fare da ponte tra i due diversi gradi d’istruzione, nell’intento di guidare gli alunni più piccoli della scuola primaria verso la delicata fase di passaggio verso la scuola secondaria.

“Le iniziative in continuità tra le scuole del Comprensivo 5, non solo legate alla lingua inglese – afferma la dirigente scolastica Francesca Iovenitti, hanno rappresentato un obiettivo perseguito dutante tutto l’anno scolastico e rivolto a favorire uno sviluppo armonico della persona, in cui poter vivere i momenti di passaggio agli ordini di scuola successivi con entusiasmo e senza salti pedagogici”.

La rappresentazione teatrale sàrà dunque una lezione interattiva che prevede la partecipazione e il diretto coinvolgimento del pubblico presente: chi assisterà alla drammatizzazione sarà nel contempo attore e protagonista dello spettacolo. “Il TPR consente a tutti di esprimersi in modo autonomo e creativo durante la lezione – conclude l’insegnante d’inglese Maria Carla Maestrini, – e sollecita anche coloro che si trovano nel ‘silent period’ linguistico a partecipare e produrre la lingua. Ci auguriamo che questo spettacolo rappresenti per tutti un mometo di divertimento e di sana condivisione di spazi fisici e linguistici”.

L’iniziativa è stata realizzata grazie al patrocinio del Comune di Grosseto e l’associazione Le Mura che hanno accolto la nostra richiesta di svolgere la nostra iniziativa in uno scenario davvero privilegiato, il cassero senese, con grande disponibilità ed entusiasmo.

“La collaborazione con le istituzioni, in particolare con l’assessore Angela Amante, ci ha permesso quest’anno di portare avanti eventi davvero significativi– conclude la dirigente – dai progetti realizzati con i fondi Pez alle iniziative per l’accoglienza degli studenti ucraini. Mi auguro che questa collaborazione e scambio proficuo di professionalità si confermi e si rinnovi anche in futuro”.

segnala il tuo evento gratuitamente +

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI