Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Salto della Contessa 2018

Le leggi contro il lusso nel Medioevo: convegno alla sala Pegaso

11/10/18

EVENTO GRATUITO
: Sala Pegaso Palazzo Aldobrandeschi, Piazza Dante Alighieri, Grosseto, GR, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – “I superflui ornamenti delle donne (e degli uomini) nelle leggi suntuarie del Comune di Siena dal XII secolo” è il titolo dell’incontro che si terrà giovedì 11 ottobre presso il palazzo della Provincia di Grosseto alle ore 16. Relatrice dell’incontro sarà Maria Assunta Ceppari (funzionario presso l’Archivio di Stato di Siena).

La relatrice presenterà una panoramica delle leggi contro il lusso emanate dal Comune di Siena a partire dal 1250 fino a giungere al primo periodo della dominazione medicea, con ampi riferimenti al dettato delle norme e alle diverse e complesse motivazioni che hanno ispirato i governanti a legiferare in materia. Per inciso, ricordo che tale normativa è stata rintracciata negli antichi statuti del Comune, nelle deliberazioni e negli statuti di varie magistrature cittadine.

Attraverso i divieti apprendiamo quello che la gente faceva realmente nella vita di ogni giorno, sappiamo, per esempio, che le signore (abbienti) amavano indossare abiti confezionati con la preziosissima seta o con tessuti pregiati riccamente istoriati, impreziosivano le vesti con lamine d’oro e d’argento, intrecciavano i capelli con nastri di seta e perle, sfoggiavano gioielli d’oro e d’argento. Le norme contro il lusso rivelano anche con quanta e quale sontuosità si celebravano le cerimonie di particolare importanza nella vita sociale, quali ad esempio le nozze, ma anche i funerali e le investiture cavalleresche. In sostanza tali norme restituiscono un quadro vivo e veritiero della vita sociale e dei suoi mutamenti nel corso dei secoli.

Le leggi contro il lusso continueranno ad essere rinnovate e riproposte continuamente nel corso dei secoli, a conferma del fatto che tali disposizioni non erano poi così efficaci come i governanti avrebbero desiderato e che il desiderio del bello e dell’apparire investiva tutti i momenti della vita privata e pubblica, risultando vincente su tutte le leggi.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!