Quantcast
sabato
17
Luglio
venerdì
30
Luglio

L’arte astratta di Federico Pinto in mostra al Forte Stella

Evento Terminato

sabato
17
Luglio
venerdì
30
Luglio
forte stella
  • DOVE
  • CONDIVIDI

PORTO ERCOLE – Sarà esposta al Forte Stella di Porto Ercole (Monte Argentario) la mostra del pittore astrattista Federico Pinto, in arte DiPinto. L’esposizione è a cura di Violante Santoro e sarà aperta al pubblico dal 17 al 30 luglioogni giorno dalle ore 17 alle ore 21.

Federico Pinto è un’artista che parte dalla costa della Maremma e arriva ad avere successi con la sua arte astratta e colorata in Svizzzera. Non dimentica la sua terra, dove torna dopo l’esperienza d’oltralpe portando con se i consensi avuti in tutto il mondo. I suoi quadri dalle dimensioni notevoli e dai colori squillanti sono accolti all’interno della storica struttura in un perfetto connubio tra passato e presente.

«La sua arte astratta si compone di demarcazione, corposità e cromatismi. Trae ispirazione dagli influssi del suo istinto e dalle reazioni che gli procura la natura e il mondo circostante. La sua è una pennellata fluida e senza tempo, le forme delle sue tele scivolano con sincretismo e volatilità da una produzione all’altra ,ogni tratto si pone come un passaggio storico artistico rispetto a quello precedente; il segno che diventa un ponte resiliente e allo stesso tempo saldo rispetto alla narrazione cromatica successiva.

La sua produzione più recente si distingue per caratteristiche nette e autentiche, colori vividi e fluidi, corposità del tratto, riassumibili in tre visioni chiave: fluidità, demarcazione e cromatismi variabili.
“Netti” e “Materia”, le ultime due serie, sono il risultato di un percorso lungo e vissuto, fatto di anima, istinto e colore da sempre.

In ‘Materia’ la composizione del quadro e delle forme si delinea sulla tela composita all’occhio ma limpida alla lettura; il percorso dei tratti atavico e primordiale rimanda a sogni ancestrali; i segni materici e sfocati delle tempere e dei pastelli fondono i contorni aprendo alla mente variabili possibilità di combinazioni e letture senza una collocazione geografica e temporale ma solo spirituale, un disegno in divenire.

‘Netti’ apparentemente immortala il senso di staticità dell’essere con gli acrilici pieni e solidi ed i contorni scuri in contrasto stridente; è solo una fermata apparente, una sosta, che non preclude la possibilità di ripartire. La composizione fatta di geometrie chiuse comunica per contro mobilità ed evoluzione. Gli acrilici brillanti e ricchi trasudano sicurezza all’interno di perimetri in pennarello, leggibili, stabili.. netti appunto».

segnala il tuo evento gratuitamente +

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI