Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
cinema Stella dopolavoro ferrovieri

La Rete delle donne presenta “Mothers, l’amore che cambia il mondo” e in sala ci sarà il regista

15/03/17

EVENTO GRATUITO
: Cinema Stella via mameli 24 Grosseto - Inizio ore 21

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – Dopo il successo della campagna “Verso lotto marzo” promossa della Rete delle associazioni femminili di Grosseto, e della grande manifestazione di “Non una di meno”, siamo arrivati agli ultimi appuntamenti.

Mercoledì 15 è prevista la proiezione del film ”Mothers”, scelto da Influssi lunari, – abbiamo visto il 1 marzo “Lunadigas”, che racconta di donne che scelgono di non avere figli – per approfondire i tanti aspetti e le contraddizioni dell’identità materna.

Il fotografo e regista Fabio Lovino ha viaggiato un anno per raccontare i progetti di WeWorld, l’organizzazione non governativa che si occupa di garantire i diritti dei bambini e delle donne più vulnerabili in Italia e nel sud del mondo. Da Palermo a Torino, passando per Napoli, dal Benin al Nepal, dalla Cambogia al Brasile, foto e video raccontano una storia comune fatta di coraggio, conquiste e amore quotidiani.

«Le donne che incontriamo nei nostri progetti sono il perno sul quale poggiano le famiglie e le comunità», spiega Anna Maria Fellegara, vicepresidente di WeWorld. «Si occupano dei figli, della gestione della casa, del lavoro. Troppo spesso, però, non sono consapevoli dell’importanza del loro ruolo; le condizioni di disagio, povertà e abbandono in cui si trovano le rendono vittime di regole sociali emarginanti. L’inserimento attivo nella loro comunità ha effetti positivi anche sui bambini, ce lo dice la nostra esperienza».

Per capire quali sono davvero i problemi e le difficoltà, ma anche le gioie e i riscatti quotidiani, Fabio Lovino e l’ong WeWorld hanno incontrato donne e madri, le hanno accompagnate al lavoro, sono entrati nelle loro case, le hanno viste nei campi. «È stato un viaggio non turistico, ma antropologico, sociale ed empatico durato un anno», dice Lovino. «Un anno intenso e faticoso, ma anche gioioso, che mi ha permesso uno straordinario confronto con persone distanti migliaia di chilometri, in realtà così vicine a noi». Seguirà dibattito con il regista Fabio Lovino.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!