Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
La Natura diventa Arte tronchi legni sul mare

La natura diventa arte con le opere fotografiche di Valerio Radi

30/09 » 12/10/18

EVENTO GRATUITO
: - Inizio ore 16.00 - Fine ore 19.30

Attenzione l'evento è già trascorso

MASSA MARITTIMA – “La natura diventa arte” è una mostra di fotografie scattate da Valerio Radi sulle più belle e selvagge spiagge della Maremma, con le quali l’autore interpreta in modo artistico la Natura che lo accoglie e lo circonda. Lo spazio delle Galleria viene trasformato e diventa occasione per rappresentare l’ambiente naturale, superando l’idea della foto messa in cornice…. Una mostra particolare, tutta da vedere, ricca di sorprese e con un forte impatto emotivo.

Il gallerista e curatore Gian Paolo Bonesini così la presenta: “Conosco Valerio Radi per la sua serietà professionale, e con questo intendo la sua capacità di visualizzare cose che altri non osservano. Questa mostra s’intitola “La Natura diventa Arte”, ma in quale misura? Radi è stato attratto dall’originalità e dalle suggestioni suscitate dai soggetti presenti in natura, che lo inducono a cogliere le figure e le composizioni “catturandole” e facendole diventare Arte. Ecco una spiaggia desolata con il suo silenzio e un grande senso di abbandono, che ricorda le impressioni amate e ricercate da altri autori nella storia dell’arte e ci richiama alla memoria la forza di opere riconducibili a Morandi e a Monet, il tutto lontano da ogni rumore e movimento. Radi ha “fatta sua” la spiaggia con l’accidentalità e l’imprevedibilità dei venti e delle correnti, con i relitti degli alberi, ormai senza vita, abbandonati alla casualità ma colti dall’obiettivo con un’osservazione accorta e pronta a indagare, come a cercare, nella staticità delle immagini, un ricordo di un’esistenza lontana e a richiamare la storia di eventi remoti. L’assenza di vita, quasi come una contraddizione, sottolinea una compostezza e un’estetica che sembra raccontino un passato glorioso, definito solo da chi sa vedere le cose utilizzando la chiave dell’arte. La forma espressiva dell’autore non si ferma soltanto alla fotografia di per sé ma s’impone con un allestimento nuovo, che va oltre gli schemi della classica cornice: una novità che lasciamo scoprire al visitatore, senz’altro sorpreso dall’originale modo che ha Radi di proporre le proprie opere, eludendo schemi e modalità consueti, per riuscire a dare spazio alle scene da lui composte.
Un fotografo quindi che coniuga la poetica del silenzio e dell’abbandono con un modo diverso di presentare le fotografie, orientandosi verso una forma d’arte innovativa e sorprendente. La mostra, in modo istintivo, porterebbe a raccontare e sottolineare altre caratteristiche, altre suggestive emozioni… credo però sia meglio lasciarle alla sensibilità del visitatore”.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!