Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
campo di grano a Magliano

“Imago Terrae”: la mostra di due artiste tedesche con la Maremma nell’anima

07/07/18

EVENTO GRATUITO
: Magliano in Toscana Magliano In Toscana, GR, Italia - Inizio ore 18,00

Attenzione l'evento è già trascorso

MAGLIANO IN TOSCANA – Sabato 7 luglio 2018 alle 18, nell’antico borgo di Magliano, si inaugura presso l’associazione culturale e galleria d’arte contemporanea Arti in corso la mostra “Imago Terrae”, patrocinata dal Comune. Cosa unisce le artiste Schirin Fatemi e Claudia Wild, presentate in questa doppia personale? Parecchi aspetti. La terra di origine, la Germania, poi l’amore per l’Italia, dove entrambe hanno scelto di vivere, la prima a Roma, ma con il cuore in Maremma, e la seconda nella Maremma più interna e selvaggia. La terza caratteristica comune è il senso profondo del paesaggio. Imago Terrae compone, attraverso le opere delle due artiste, un’Imago Mundi – così erano chiamate le mappe medievali del mondo allora conosciuto – cioè una mappa emotiva, completa e suggestiva, di sensazioni suscitate dal paesaggio. Entrambe usano colori intensi, Schirin con morbide campiture, Claudia con rapide pennellate, quasi incise nella densità del colore, e nelle loro opere il confine tra la rappresentazione figurativa e l’astrazione tende a svanire. Schirin Fatemi e Claudia Wild presentano ognuna una decina di dipinti, oltre a incisioni e monotipie.

Schirin Fatemi indaga sull’interazione dell’essere umano con la natura, interessandosi al cambiamento progressivo, alle mutazioni nello spazio naturale e a come questi processi si ripercuotano sulla nostra percezione dell’ambiente. “Il paesaggio nelle sue diverse manifestazioni è un elemento essenziale delle mie opere – afferma l’artista -. Non riduco le osservazioni al loro aspetto naturale, ma interpreto l’ambiente circostante come risultato della cultura umana in senso sia positivo che negativo”. I paesaggi di Fatemi – nelle opere in mostra per la maggior parte ambientati intorno a Magliano in Toscana – rinviano a una relazione tra l’uomo e lo spazio circostante, cogliendo il carattere dei luoghi, e sono allo stesso tempo uno specchio dei sentimenti umani. “I suoi paesaggi sono appunti giocati sull’intensità dei colori, capaci di rendere, senza alcun indugio, l’immediatezza di un’emozione”.
(Maria Teresa Benedetti, storica e critica d’arte)
Schirin Fatemi ha compiuto gli studi presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e di Roma. Attualmente vive e lavora tra Roma e Hannover in Germania. Da anni frequenta la Maremma, per lei grande fonte di ispirazione. Le sue opere sono presenti in mostre d’arte nazionali ed estere.
Per maggiori informazioni sull’artista: www.schirinfatemi.de

Claudia Wild è sempre alla ricerca di linguaggi e soggetti nuovi: le sue opere spaziano dagli oli e dalle chine al mosaico, alla scultura e alle stampe monotipiche (stampe uniche, dove la fantasia dell’artista è ancora più libera). Wild ci immerge nei colori e nelle forme della sua immaginazione, nella sua personale Imago Terrae, che é pur sempre quella umana, fatta di emozioni e concetti (visivi), raccontando storie senza parole e cercando la completezza armonica fra colore e forma, perché l’una non prevalga sull’altra. Di lei Eliana Princi, storica e critica d’arte dice: “La matrice dell’Espressionismo tedesco si unisce con suggestioni di derivazione `Fauves´ ”. “Nella mia opera – rivela Wild – un posto prediletto è riservato alla Maremma Toscana. La sua bellezza aspra e segreta mi attrae sempre; cerco di appropriarmene. Essa costituisce per me una fonte d´idee, che si possono rivelare e sviluppare solo passo dopo passo, come percorrendo delle ampie vallate. Questa asprezza si riflette anche nei miei quadri, che non esprimono caratteri rassicuranti. Sto cercando questa severità inondata di una luce soave”.
Claudia Wild ha conseguito la laurea in Arte e Germanistica a Norimberga. Nel ´90 si trasferisce nella Maremma toscana. Vive a Murci (Scansano), dove ha lo studio. Si dedica prevalentemente alla pittura del paesaggio, non dimenticando altri generi, come la natura morta, i ritratti e le figure (da qualche tempo produce chine ispirate a personaggi teatrali). Insegna pittura, mosaico, piante medicinali ed educazione ambientale. Ha viaggiato molto ed esposto in Italia e all’estero. Per maggiori informazioni sull’artista: www.clawild.com

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!