Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
teatro ciliegio monterotondo

Il libro diventa spettacolo: “Da questa parte del mare” va in scena al teatro del Ciliegio

22/02/18

EVENTO A PAGAMENTO
: - Inizio ore 21.15

Attenzione l'evento è già trascorso

MONTEROTONDO MARITTIMO – Giovedì 22 febbraio alle 21.15 nel teatro del Ciliegio di Monterotondo Marittimo, il libro “Da questa parte del mare”, del cantautore Gianmaria Testa, diventerà uno spettacolo teatrale vero e proprio.

“Da Questa Parte del Mare” è il libro della vita del celebre cantautore piemontese Gianmaria Testa, arrivato in libreria purtroppo postumo nell’aprile del 2016, pubblicato da Einaudi Editori con prefazione di Erri De Luca. È il racconto dei pensieri, delle storie, delle situazioni che hanno contribuito a dar vita ad ognuna delle canzoni dell’album omonimo con il quale Testa vinse nel 2007 il prestigioso Premio Tenco, ed è anche un po’, inevitabilmente, il racconto di Gianmaria stesso e delle sue radici.

È il racconto dei grandi movimenti di popolo di questi anni, ma è anche il racconto delle radici e della loro importanza. Radici che non sono catene, ma sguardi lunghi. È un patrimonio di riflessioni umanissime, senza presunzioni di assolutezza. Un distillato di parole preziose che riesce a restituirci ancora e per sempre la voce di Gianmaria, la sua lingua poetica, affilata, tagliente, insieme burbera ed emozionata. Bellissima.

A portarlo in scena come spettacolo teatrale, sarà Giuseppe Cederna, che più volte ha condiviso il palcoscenico con Gianmaria Testa e che con lui condivide ancora una commossa visione del mondo.

Giorgio Gallione, altro amico di Gianmaria, curerà la regia, provando a tradurre in linguaggio, immagini e forma teatrali, parole pensate per la pagina scritta, ma dense di sonorità e musica. Testa cantava la dignità degli ultimi, l’importanza del rispetto e dell’amore. “Da questa parte del mare” è un viaggio struggente, per storie e canzoni, sulle migrazioni, ma anche sulle radici e sul senso dell’umano.

Gianmaria Testa e Cederna affrontano questi temi importanti senza appesantire e senza retorica, solo raccontando storie di uomini e donne. Sulle migrazioni Gianmaria ripeteva nelle interviste «E’ una cosa che nessuno legge, nessun muro, potrà mai fermare. E questo noi italiani dovremmo saperlo bene, ma mi sembra che abbiamo dimenticato che tra il 1860 e il 1950 oltre 35 milioni di italiani sono emigrati all’estero».

Prima dello spettacolo, dalle 20, per il pubblico sarà possibile visitare gli spazi espositivi del teatro, dove sarà allestita la mostra del pittore Giuseppe Linardi nato a Buenos Aires ma da tempo residente a Follonica. Oggi “decodifica” è la parola chiave per il suo lavoro pittorico. Le immagini che ha dipinto in passato, cercando di renderle il più reali possibile, quasi palpabili, sono ora sezionate, smembrate e ridotte al limite della figurazione.

Quel dipinto, così perfetto, eseguito in modo quasi maniacale, ora esplode e si frantuma in pennellate. Questi segni di schizofrenia, chiamati “codici” dall’artista stesso (da qui il nome “decodifica” dato alla sua tecnica), sono gli elementi costitutivi della sua nuova ricerca artistica. È una tecnica pittorica che gli consente di dipingere più liberamente rispetto al passato, quando si attiene alle regole della pittura iperrealista accademica.

La sua tecnica attuale è il risultato di ricerche a lungo termine, sperimentazione su soggetti, decostruzione e ricostruzione di immagini. L’iniziativa realizzata grazie al sostegno dell’amministrazione comunale, rientra nel progetto “ArTeatro – quadri fuori scena“, pensato per rendere il teatro del Ciliegio un punto di riferimento per le iniziative culturali, un centro che accoglie e sviluppa le diverse potenzialità dell’arte.

Biglietto per lo spettacolo: intero 10 €, ridotto 8 €. Prevendita il giorno prima dello spettacolo dalle ore 10 alle ore 12 presso il comune di Monterotondo M.mo (piano terra) e il giorno dello spettacolo dalle 20 presso la biglietteria del Teatro. Info e prenotazioni telefoniche a partire da lunedì 19 febbraio (dalle 16 alle 19) al numero 339.8698181. Per la mostra ingresso gratuito.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!