Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
I Tarantolati di Tricarico

Grosseto Music Festival: sul palco ci sono i Tarantolati di Tricarico

03/06/16

EVENTO A PAGAMENTO
: Cava di Roselle 42.796062, 11.157078

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – Alla Cava di Roselle per il Grosseto Music Festival venerdì 3 giugno arrivano dalla Lucania i Tarantolati di Tricarico per la terza data dell’Italian Folk Music Festival.

I Tarantolati di Tricarico sono una delle band più longeve del panorama italiano, nata nel 1975. Sono i primi e gli unici rappresentanti della musica e della cultura etnica italiana nel mondo. La loro musica ha mandato in delirio centinaia di platee, nel 2015 sono stati scelti come ambasciatori della musica e della cultura Lucana per l’Expo e negli ultimi anni spicca la loro collaborazione con Biagio Antonacci. I loro strumenti sono davvero particolari, dalla cupa cupa al tamburo a cornice.

Già dall’uscita del primo LP si è differenziato dagli altri gruppi di musica popolare nazionali per il suo grande spessore ritmico, trascinante, di impatto immediato, oseremo dire globale in quanto non è necessaria nessuna tecnica esecutiva, ma esplica un atteggiamento che ogni comune mortale è in grado di eseguire partecipando emotivamente con qualsiasi mezzo. Da questa premessa tutti i noti musicisti italiani si sono cimentati con il gruppo in varie session che sono state affrontate senza nessuna preparazione ma pura e semplice improvvisazione.

Il gruppo è l’unione di tutto ciò che la musica etnica richiede per concretizzare al massimo la sua espressività differenziandosi per originalità al Festival internazionale di Musica e danza di Las Vegas, il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo nel 2010 e nel 2014, il Festival internazionale di musica popolare Roma incontra il mondo a Villa Ada e il Blues in Town World Music e il Nazionale Festival Premio De Andrè tenutosi a Roma. Primi ed unici rappresentanti della cultura e della musica etnica nel mondo, sono stati ospiti dell’ambasciata italiana in Romania a Bucarest per la Festa della Repubblica Italiana ed in Russia con il primo premio internazionale dell’Accademia di Musica Russa come in molti lavori discografici sopranazionali: Sud Open Source e il Greetings From Italy di Berlino.

Negli ultimi anni l’opera de I Tarantolati di Tricarico va oltre ogni limite: si prestano ad un’esecuzione d’insieme multiforme, performances chiare e scintillanti, cupe e tenui se il testo lo richiede, permettendo all’ascoltatore di percepire immediatamente l’elevata qualità della messa in opera dei vari musical  I Tarantolati di Tricarico sono stati graditi ospiti e protagonisti di numerose trasmissioni televisive sulle reti Rai, Mtv e molte altre note trasmissioni regionali.

Nel 2015 si apprestano a compiere i primi 40 anni di attività, 1975-2015, con l’uscita di una compilation travolgente che presenteranno al concertone del primo maggio a Roma in piazza San Giovanni. Da sempre, il gruppo, si propone di fare e dare energia in movimento. Il cuore della tradizione di Tricarico, i tamburi e l’acquasantiera. Messa da parte l’acquasantiera, i tamburi e il fiasco di vino. Celebrazioni laiche e pagane restituite al calore di piazze affollate che, sotto l’austerità dell’inesorabile bum bum, portano avanti lo spregio tradizionale per le ingiustizie quotidianamente subite. Reazioni dirette senza mediazioni cantate con perizia e suonate con rigore.

Gli impossessati alla riscossa, alla caccia della gatta mammona, lei è responsabile di ogni cosa… da anni sottraggono all’erosione del tempo ed alla scomparsa delle vecchie generazioni il prezioso passaggio di un ricordo. Un atto sonoro che è un atto di fede, sopravvivenza e materia viva. Da queste parti la trance paradossalmente come in una discoteca raggiunge le ore piccole. La possessione scioglie il passo di danza e le mani, sulle corde della chitarra o sulle pelli tirate dei tamburi, proseguono inesorabili la loro corsa verso l’ossessione. Catartica come ogni atto liberatorio, necessaria come ogni sana emozione…

L’Italian Folk Music festival termina domani, 4 giugno con Eugenio Bennato. Il biglietto costa € 15.00.

Grosseto Music Festival, patrocinato dal Comune di Grosseto e organizzato da Factory Show, vede la collaborazione di importanti realtà del territorio come il Centro Didattico Musicale Rockland di Grosseto, l’agenzia Eventigo, RadioStop e Plum Music. Il Grosseto Music Festival continuerà dal 15 al 19 giugno con la festa della birra e artisti del calibro di Danny Bronzini, Nick Becattini, Tolo Marton, Nicola Costa e Leo&Iole.

Info prevendite: E’ possibile acquistare i biglietti del festival in prevendita sul circuito BoxOffice Toscana. 393 4380571 – 324 6115046 – info@grossetomusicfestival.it – oppure seguici sulla nostra pagina Facebook /grossetomusicfestival.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!