Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Teatro Castagnoli (interno)

Gran Finale con degustazione per il Morellino Classica Festival: in scena il romanticismo tedesco

02/09/18

EVENTO A PAGAMENTO
: Teatro Castagnoli Teatro Castagnoli, Via XX Settembre, Scansano, GR, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

SCANSANO – Dopo il grande successo del concerto alla cava di Montemerano, Morellino Classica Festival chiude la sua trionfale marcia musicale nei sette comuni del pregiato vino, con due straordinari concerti finali tenuti da musicisti provenienti da tutto il mondo, tra i piu’ illustri e riconosciuti internazionalmente.
Il secondo e ultimo evento si terrà il 2 settembre alle 21 nel Teatro Castagnoli per una serata dedicata al Romanticismo tedesco in letteratura e in musica: Schiller Beethoven Brahms.

PROGRAMMA DELLA SERATA:
PRESENTAZIONE DEL LIBRO
Intorno a Don Carlos: prove d’autenticità. Da Friedrich Schiller di Marco Filiberti
Marco FILIBERTI, autore e regista di teatro e cinema, saggista e narratore milanese di nascita. I suoi film: Poco più di un anno fa – diario di un pornodivo (2003), Il Compleanno (2009) e Cain (2014) sono stati presentati in Selezione Ufficiale in Festival internazionali quali Berlino e Venezia, garantendogli un grande riscontro internazionale e aggiudicandosi, tra i molti riconoscimenti, il Globo d’Oro Speciale dalla stampa estera, il Premio della critica all’Out Fest di Los Angeles, il Miglior film al Festival del Cinema di Ajaccio, il Premio del pubblico alle Journées du Cinéma Italien a Nizza e il Prix de l’Université de Corse. Il suo lavoro cinematografico è oggetto di un volume di saggi, Il Melò Ritrovato.
La svolta nella sua attività teatrale avviene nel 2012 con Byron’s ruins, quando al centro della sua riflessione pone in modo deciso il dissolvimento degli archetipi nella selva della modernità. Nel 2013 fonda in Val d’Orcia Le Vie del Teatro in Terra di Siena, una specifica realtà di riqualificazione dell’arte incentrata sulla sua proposta di “drammaturgia del rovinismo”. Alla imponente e visionaria Trilogia Il Pianto delle Muse (Conversation pieces – Byron’s ruins – Il crepuscolo di Arcadia), definita “una creazione da annoverare come un vero e proprio evento artistico di teatro totale” (Il Sole 24 ore) è dedicato un prestigioso volume edito da Titivillus. Nel 2017 è la volta di “Intorno a Don Carlos: prove d’autenticità”, tratto da Schiller, in cartellone nella prossima stagione al Teatro Eliseo di Roma e sul quale è di recente apparsa una pubblicazione, sempre con Titivillus. Intanto comincia un nuovo e vasto progetto dedicato a Parsifal, nonché un gemellaggio con il Cantiere d’Arte Internazionale di Montepulciano che si apre con una nuova versione dei Conversation pieces in programma per luglio 2018.
Cast artistico di Don Carlos: Matteo Tanganelli, Carlos – Diletta Masetti, Elisabetta – Stefano Guerrieri, Filippo
Luca Tanganelli, Rodrigo – Giovanni De Giorgi, Alba

PROGRAMMA MUSICALE:
DAVIDE ALOGNA – DARIUSZ MIKULSKI – PIERRE-LAURENT BOUCHARLAT
MUSICHE DI: L. VAN BEETHOVEN – W. A. MOZART – J. BRAHMS

Davide ALOGNA, violino
ha una formazione musicale eclettica e internazionale. Si è diplomato con il massimo dei voti in violino e in pianoforte presso i Conservatori di Como e Ferrara, in musica da camera e in violino al Conservatorio di Parigi. Ha studiato composizione con Luca Francesconi e si è perfezionato all’Accademia Chigiana di Siena con Giuliano Carmignola, che lo ha definito “un grandissimo talento” premiandolo con un “diploma d’onore”. Nel 2009 gli è stato affidato uno Stradivari per diversi concerti per il Consiglio dei Ministri e per Telethon.
Nel 2016 ha debuttato da solista alla Sala Stern della Carnegie Hall di New York e il 29 ottobre 2017 da solista al Teatro alla Scala di Milano accompagnato dai Cameristi della Scala.
Ha iniziato una brillante carriera da solista e da camerista che lo ha portato ad esibirsi in alcune delle sale da concerto più importanti in Italia e all’estero Berliner Philarmonie, Smetana Hall di Praga, Rudolfinum, Suntory hall di Tokyo, Cairo Opera House, Auditorium laVerdi di Milano, il Teatro Bibiena di Mantova, Salle Cortot di Parigi, a Monaco alla Herculessaal e al Gasteig, Novomatic Forum di Vienna, Palau de Bellas Artes in Città del Messico, l’Ateneu de Madrid, Yongsan Art Hall di Seoul, e si è esibito con diverse orchestra tra cui la Filarmonica Toscanini, i Cameristi del Teatro alla Scala, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, la Rossini di Pesaro, la Respighi di Latina, Orchestra Filarmonica Italiana, l’Orchestra del Teatro Cilea, la Chamber Orchestra of New York, la KammerPhilarmonie di Monaco, la Vogtland Philarmonie, North Czech Philarmonic, Thailand Philarmonic Orchestra, Cairo Symphony Orchestra, New England Symphony, Tchaikovsky Philarmonic Orchestra, Orquestra Sinfonica de Estado do Mexico, Orquestra de Bellas Artes, Symphonica di Monterrey, Istanbul Chamber Orchestra, Adana State Symphony Orchestra, Lutowslasky Philarmonic Orchestra e molte altre insieme a grandi direttori e solisti quali Eliau Inbal, Lior Shambadal, Natalia Gutman, Elisso Virsaladze, Francesco Lanzillotta, Bruno Canino, Roberto Prosseda, Roberto Plano, Alessandra Ammara.
Ha registrato diversi cd da solista per Brillant Classics, Suonare News, Amadeus, Phoenix Classics e Velut Luna. E’ stato ospite di trasmissioni per Rai1, Radio Classica, RadioRai, Radio Toscana Classica, Radio Popolare e RadioFrance. Recentemente la Radio della Svizzera Italiana (RSI2) ha dedicato ben 4 puntate ai suoi ultimi progetti discografici e alla sua attività concertistica. Premiato in diversi concorsi nazionali e internazionali, tra cui nel 2009 il primo premio al concorso solistico “Prix d’Interpretation Musicale” de la Citè Universitaire de Paris e l’INAEM di Spagna. Nel 2010 il Comune di Milano gli ha conferito il “Premio all’eccellenza nella Musica 2010”.
Davide è docente di violino al Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria. Suona un prezioso Carlo Antonio Testore, Milano 1712.

Dariusz MIKULSKI, corno, direttore d’orchestra e strumentista di corno, negli anni 2005-2010 Direttore Generale e Direttore Artistico della Filarmonica di Wałbrzych (Filharmonia Sudecka), Consulente Artistico della Thailand Philharmonic Orchestra, professore assistente presso l’Accademia Musicale di Łódź, appartiene alla cerchia ristretta delle più eminenti personalità musicali dell’ultima generazione. Collabora con prestigiose orchestre quali NDR Sinfonieorchester des Norddeutschen Rundfunks, Orchester der Deutschen Oper Berlin, Wiener Kammerorchester, Thailand Philharmonic Orchestra, Philharmonie der Nationen, Stuttgarter Kammerorchester, Orchestra Sinfonica della Filarmonica di Poznań, Łódź, Gdańsk, Opole, Irkutsk, Berliner Sinfoniker, Stuttgarter Kammerorchester e altre. Dariusz Mikulski ha conseguito molti premi in prestigiosi concorsi musicali, a partire dai concorsi nazionali di Częstochowa, Danzica e Łódź, a quelli più rinomati come “Prazske Jaro”, “Peter Damm-Wettbewerb”,“Concours international d´instruments à vent”, “Internationalen Instrumentalwettbewerb Marktneunkirchen”. Ha inciso diversi dischi di musica per corno per etichette come ZYX, GENUIN e CONCORNO, presentando opere classiche e contemporanee di musica per corno, tra le quali alcune a lui dedicate. Dariusz Mikulski è ospite fisso di rinomati Festival Musicali, tra i quali lo Schleswig-Holstein Musik Festival, MDR Musikfestival, Gstadt Musikfestival in Svizzera, Kotor Musikfestival (Montenegro), Marlboro Musikfestival (USA), Salzburger Festspiele, Wagner Festspiele in Bayreuth. Tra i suoi partner musicali si annoverano, tra gli altri, personalità come Milan Turkovic, Nicolaus Harnoncourt, Radovan Vlatkovic, Igor e Valery Oistrakh, Sergio Azzolini, Ingo Goritzki, Justus Frantz, Paul Gulda, Gudni Emilsson, Giampiero Sobrino (Direttore Artistico dell’Arena di Verona). Come direttore d’orchestra, presenta un vasto repertorio orchestrale, dal barocco alle opere contemporanee, con un particolare interesse per le composizioni monumentali, cantate e oratori, e per l’opera lirica. Oltre ai “classici” della musica sinfonica, Mozart, Beethoven, Brahms, Mahler e R. Strauss, Dariusz Mikulski si dedica con piacere alle creazioni operistiche di Rossini, Mozart, Verdi o Puccini. Il suo repertorio include opere come “Il Barbiere di Siviglia”, “Guglielmo Tell”, “Le Nozze di Figaro”, “Don Giovanni”, “Così fan tutte”, “La Clemenza di Tito”, “Il Flauto Magico”, “La Traviata” e “Tosca”. La professionalità di Dariusz Mikulski si riflette anche nell’attività didattica, fondata su una approfondita formazione musicale in Polonia (Accademia a Łódź, laurea con lode, dottorato nel 2002), Germania (AM a Stoccarda) e Austria (Mozarteum), così come su una ricca esperienza di scena. Dariusz Mikulski, nel 2008 è stato insignito dal Ministro della Cultura e dal Patrimonio Nazionale con la medaglia “Benemerito della Cultura – Gloria Artis“ per l’attività artistica, come uno dei più giovani nella storia della cultura polacca.

Pierre-Laurent BOUCHARLAT, piano, ha suonato il suo primo concerto con orchestra all’età di 13 anni e ha tenuto il suo primo recital all’età di 15 anni. Dopo il suo premio al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Lione, è stato ammesso all’unanimità al Terzo Ciclo di Parigi nella classe di Jean-Claude Pennetier. Ha continuato la sua formazione con Monique Déchaussées, allieva di Alfred Cortot e Edwin Fisher. Vincitore di competizioni internazionali (Prix Spedidam, Prix Darius Milhaud), nel 2000 Pierre-Laurent Boucharlat registra dal vivo le integrali dei 24 studi di Frédéric Chopin, pubblicate dalla rivista Piano le Magazine. Da allora, la sua carriera lo ha portato nelle maggiori nazioni europee (Russia, Germania, Svizzera, Italia, Spagna, Belgio, Grecia, Repubblica Ceca, Polonia, Turchia, Macedonia), Asia (Kazakistan, Siberia) e America ( Stati Uniti, Canada, Messico). Si esibisce regolarmente in recital, o da solista con un’orchestra, o nell’ambito di formazioni cameristiche, incluso il Prometheus Trio (violino, violoncello, pianoforte), un gruppo che ha creato nel 2005, e più recentemente in duo di contrabbasso e pianoforte con Emilie Legrand. Suona con partner riconosciuti internazionalmente come Pascal Amoyel, Philippe Bernold, Emmanuelle Bertrand, David Bismuth, Nicolas Dautricourt, Florent Héau, Vadim Tchijik, Hugo Ticciati e Wiener Kammersymphonie.
Negli ultimi anni, France Télévision (France 2 e France 3) e TLM, hanno trasmesso molti suoi recital. Molti concerti sono stati anche trasmesse da TV nazionali estere: Russia, Bulgaria, Polonia, Spagna. È regolarmente invitato a esibirsi in France Musique “The Summer of Festivals”. Ha partecipato alla registrazione radiofonica del Carnival of Animals insieme a Anne Roumanoff con i testi di Eric Emmanuel Schmitt. Pierre-Laurent Boucharlat è direttore artistico, insieme a Karine Locatelli, del festival Musicales en Tricastin e anche direttore artistico della Stagione dei concerti e delle conferenze dell’associazione Ecully Musical e Piano Festival in Franc-Lyonnais.
La sua discografia è composta da otto CD dedicati a Beethoven (11 Sonate in 4 CD), Schumann, Mussorgsky, Liszt inclusa la Sonata “The Slavic Soul” registrata “live” con Mezzo-Soprano russo Elena Sommer e i 24 Studi di Chopin, oltre al cofanetto CD / DVD completo delle sonate per violino e pianoforte di Johannes Brahms, registrato con Vadim Tchijik, per l’etichetta Limen Arts.

PROGRAMMA:
Ludwig van Beethoven (110-1827): Sonata in Fa per corno e pianoforte op. 17 Allegro
Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791): Trio in Mib Maggiore KV 4 – revisione Neumann Allegro – Andante – Rondò
Johannes Brahms (1833-1897): Sonata N° 1 per violino e pianoforte in Sol Maggiore op. 78
Johannes Brahms: Trio per corno, violino e pianoforte in Mib Maggiore op. 40
​​
Aperitivi e degustazioni, compresi nel prezzo del biglietto, Azienda Fattoria dei Barbi di Stefano Cinelli Colombini storica casa vinicola di Montalcino e Scansano
BIGLIETTO: intero euro 20 ridotto euro 15

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!