Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Biblioteca della Ghisa

Giornata della memoria: letture sceniche alla Biblioteca della Ghisa

27/01 » 28/01/18

EVENTO GRATUITO
: Biblioteca della Ghisa Biblioteca Comunale, Follonica, GR, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

FOLLONICA – Sabato 27  e domenica 28 gennaio, in occasione della celebrazione de “Il giorno della Memoria”, alla Biblioteca della Ghisa si terranno due letture sceniche, nell’ambito del ciclo “Dal libro alla scena” curato da Il Laboratorio dello spettacolo.

SABATO 27 Gennaio alle ore 21, la compagnia teatrale  BiTquartett presenta: “Il Sonno del Mostro” di Enki Bilal, messa in scena del best-seller a fumetti del grande  maestro francese, grazie al sapiente adattamento di Federico Guerri, che dimostra come  in teatro tutto sia possibile. Saranno in  scena sei giovani attori, tra cui i quattro componenti “eclettici” della compagnia teatrale BiTquartett,  con la regia  Gabriele Paupini.

Fantascienza, spionaggio, poesia, amicizia e amore profondo da New York a Sarajevo, in questo testo che ci trasporta, con un salto temporale,  dal 1993 alla nascita di  tre neonati in un orfanatrofio della Sarajevo assediata, ad un futuro prossimo, nel 2026, quando l’Obscurantis Order, una setta terrorista, sta operando per cancellare la memoria e il pensiero umano. Nike, uno dei tre neonati,  ormai cresciuto, lavora per la Banca Mondiale della Memoria e viene coinvolto in un gioco di complotti la cui posta in palio è il mondo. Un progetto realizzato con il contributo delle Azioni trasversali Formazione/Promozione/Residenza creativa a cura del Centro Internazionale La Cometa.

Domenica 28 gennaio alle ore  17.30, il LABORATORIO DELLO SPETTACOLO propone la lettura scenica tratta da un classico di Eric Emmanuel Schmitt, “Il Visitatore”, con Fabio Carraresi, Diego Nencioni, Gianluca Orlandini (sua la regia) e Lucia Stanzani.

Siamo in una Vienna appena annessa al Terzo Reich, nella casa di un Freud invecchiato che ragiona con la figlia sulle condizioni che sono state poste affinché entrambi, in quanto ebrei, possano lasciare Vienna e rifugiarsi altrove. Anna però viene arretata dalla Gestapo. Rimasto solo Freud riceve la “visita” di uno sconosciuto che comincia ad inquietarlo dimostrando che sa tutto della sua vita, della sua infanzia e dei suoi pensieri più nascosti. Da qui l’inizio di un confronto tra giganti, un dialogo serrato sul significato dell’esistenza, la solitudine dell’infanzia come dell’età adulta, il bene e il male, il libero arbitrio, la pretesa onnipotenza degli uomini.

Ingresso  libero.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!