Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Cava Roselle

Fiaba e realtà si intrecciano alla Cava: sul palco “Il Figlio delle rane”

08/08/18

EVENTO GRATUITO
: Cava di Roselle 42.796062, 11.157078 - Inizio ore 21,30

Attenzione l'evento è già trascorso

ROSELLE – L’educazione sentimentale di un ragazzo, sullo sfondo di un universo feroce e, al tempo stesso, fiabesco. Si potrebbe riassumere così “Il Figlio delle rane” (Bompiani edizioni), il libro di Giulio Beranek e Marco Pellegrino che sarà presentato mercoledì 8 agosto, alle 21.30 alla Cava di Roselle (Grosseto), per un nuovo appuntamento con “Libri in Cava”, realizzato in collaborazione con il Clorofilla film festival e il Mondadori bookstore di Grosseto.

Un riassunto fedele, ma riduttivo perché “Il figlio delle rane”, dà uno spaccato di un mondo sconosciuto ai più, quello dei giostrai e dello spettacolo itinerante, legato a molti pregiudizi. Ed è anche una storia di amore e di formazione che prende spunto dalla vera storia di uno dei due autori Giulio Beranek, attore di cinema e televisione, di recente protagonista della serie tv “Il cacciatore”, firmata dal registra grossetano Stefano Lodovichi insieme a Davide Marengo.
Al loro esordio narrativo, Beranek e Pellegrino danno vita a un romanzo di formazione e d’avventura e al tempo stesso salvano dall’oblio un mondo magico e miserabile, duro e favoloso. A dialogare con gli autori sarà il giornalista Norberto Vezzoli.

“Il figlio delle rane”. “Tutti noi eravamo figli di qualche giostra. Giuseppe, ad esempio, era figlio dei popcorn e della calcinculo, Emilio della filibusta, Jody del treno fantasma e io… io ero il figlio delle rane”. In un momento drammatico il vecchio patriarca della famiglia Orti Confierith ricorda al nipote che loro appartengono a un popolo speciale, in perenne movimento, capace di scomparire e rinascere, di sopravvivere ai tornado e ai pregiudizi per accendere luci colorate nella notte: sono gli “esercenti dello spettacolo viaggiante”, i dritti, la gente del luna park. Ogni volta che la loro carovana si ferma, il vecchio Orti passa ore a disegnare la piantina per i mestieri – le giostre -, e ogni sera verifica le lampadine delle sue attrazioni e ne lucida con amore l’acciaio colorato.

E’ l’arbitro di ogni controversia che sorge nel parco e il mediatore nei confronti delle infinite regole imposte dai contrasti, la “gente normale” che non conosce la libertà di una vita sempre in viaggio e pensa che chi è nomade sia automaticamente un Rom. In questo universo speciale, dove si parla un gergo che non si trova in nessun dizionario e tutto cambia a seconda del nuovo luogo dove si posteggiano i caravan, si ferma un giorno il giovane cecoslovacco Jirka, che s’innamora perdutamente di Betty e del suo mondo: dalla loro unione nascerà Giulio, primo e unico nipote maschio del vecchio Orti, il corpo esile e l’intelligenza troppo viva anche per gli aerei confini del luna park. Tra la Puglia e la Grecia, la fierezza di una vita fuori dagli schemi e la tentazione della strada più pericolosa, Giulio potrà fidarsi solo del Conte Dracula, del Teschio e della Donna affogata, che lo aspettano nel Treno fantasma quando le luci del parco si spengono e comincia la vita vera.

Gli autori. Giulio Beranek è discendente da generazioni di professionisti dello spettacolo viaggiante. E’ attore e ha interpretato, tra gli altri, i film “Marpiccolo”, “Il racconto dei racconti”, “Una questione privata”. In tv ha lavorato in serie come “Distretto di polizia”, “Tutto può succedere” e “Il cacciatore”. Marco Pellegrino è sceneggiatore e musicista. Sta girando un documentario sul mondo dei giostrai.

I prossimi appuntamenti. Giovedì 9 agosto, invece, spazio alle stelle e alla meteorologia, in collaborazione con Roberto Madrigali e gli esperti dell’associazione Amsa, che gestisce l’osservatorio astronomico di Roselle. Venerdì 10 agosto torna la musica con il concerto dei From Genesis to dark side of rock: Aldo Milani, Alex Camaiti e Diego Innocenti proporranno in chiave acustica alcuni brani che hanno fatto la storia del progressive rock degli anni Settanta, mentre sabato 11 agosto, il cantautore romano, maremmano di adozione, Filippo Gatti arriva alla Cava con una tappa del suo tour “La tesa e il cuore”.

Informazioni. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero. La Cava è aperta dalle 19.30 con il cocktail bar e il ristorante, che propone piatti a base di prodotti del territorio e privilegia la filiera corta. Per info e prenotazioni 348 4800409 – www.cavaroselle.net. La Cava si trova in strada Chiarini a Roselle (Grosseto).

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!