Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
La sposa bambina

Festival Resistente: verso la diciannovesima edizione con il film “La sposa bambina”

05/03/17

EVENTO GRATUITO
: Via Ugo Bassi – Khorakhanè Via Ugo Bassi, Grosseto, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

GROSSETO – Si apre domani, domenica 5 marzo, la rassegna cinematografica organizzata dall’associazione Arci Festival Resistente e in preparazione alla diciannovesima edizione del festival che si svolgerà al Cassero Senese di Grosseto dal 22 al 25 aprile.

Quattro film per quattro domeniche in un percorso che vuole approfondire alcuni temi come l’integrazione, gli stili di vita, la Resistenza e l’attualità. Domani, alle ore 18.00 al circolo Khorakhané (via Ugo Bassi, 62 – Grosseto – ingresso 5 euro) il primo film è “La sposa bambina. Mi chiamo Nojoom ho 10 anni e voglio il divorzio” della regista Khadija Al Salami.

Il film, che ha avuto il patrocinio di Amnesty International, racconta la storia di Nojoom, una bambina yemenita che riesce a fuggire dal suo sposo aguzzino, ottenendo il divorzio all’età di 10 anni. Nojoom è stata costretta dalla sua famiglia a sposare un uomo 20 anni più grande di lei nel fiore della sua infanzia, obbligata a ogni sorta di violenza fisica e psicologica. Una pratica tristemente diffusa nello Yemen come in tanti altri Paesi del mondo quella del matrimonio tra una bambina e un adulto, considerata legittima e soddisfacente per la dote derivante. Un’usanza arcaica, figlia di ignoranza e povertà, a cui Nojoom si è opposta rifiutandosi di avere rapporti con l’uomo che l’ha riportata dai genitori, come si fa con un “elettrodomestico difettoso”. La bambina è riuscita a fuggire dalla sua famiglia, a frequentare la scuola e ad ottenere, la più giovane al mondo, il divorzio. Basato su una storia vera, raccontata nel libro “I am Nujood, age 10 and divorced” di Nojoud Ali e della giornalista Delphine Minoui il film è fortemente autobiografico poiché ripercorre il vissuto della stessa regista, Khadija Al Salami.

Dopo la proiezione sarà possibile fermarsi per un aperitivo cena. I film delle settimane successive sono “Il condominio dei cuori infranti” di Samuel Benchetrit (domenica 12 marzo), “Naples ’44” di Francesco Patierno (domenica 19 marzo) e per chiudere il documentario “Alla ricerca di un senso” di Natanael Coste e Marc De La Ménardière

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!