Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Manciano (paese)

Aperitivo filosofico e teatro in giardino: gran finale per la “Notte del dono e del baratto”

21/07/19

EVENTO GRATUITO
:

Attenzione l'evento è già trascorso

MANCIANO – Ultima giornata con l’arte a Manciano. Quello di domenica 21 luglio è il gran finale con gli spettacoli curati dalla direttrice artistica Elena Guerrini.

Alle 11.30 l’attore Francesco Riva e lo psicoterapeuta Andrea Arrighi, all’enoteca ‘Manciano 444’, parleranno di bullismo e del valore del dialogo, per la presentazione del nuovo progetto su questo fenomeno.

Il teatro torna nelle case e nei giardini alle 21 a Poderi di Montemerano. Ritrovo alle 20.45 da Franchino Garage sotto la locanda Laudomia, con due spettacoli. In un giardino trasformato in teatro, vedremo, con la sedia da casa e un dono, baratto per gli artisti, “Il clown non è un pagliaccio stupido” di Igi Meggiorin e a seguire “Dal superbo al superfluo” di Vasco Mirandola.

“Gente del luogo con sedia e barattoli di marmellata – commenta Elena Guerrini – e turisti venuti per seguire questa originale manifestazione nei giorni scorsi hanno abitato il paese di Manciano e il suo comune condividendo sui social immagini e commenti, comprando prodotti locali come olio e vino da donare agli artisti e da portare a casa, visitando i borghi mancianesi, dove l’arte nutre il territorio e il territorio nutre l’arte. C’è grande attesa per la 13esima edizione del festival “A veglia teatro del baratto”, che si svolgerà dal 12 al 15 settembre, di cui sabato c’è stata un’anteprima estiva e di grande successo per portare il teatro d’autore a tutta la popolazione in piazza e in strada. Saranno in programma sorprese e nomi di qualità della drammaturgia contemporanea nazionale”.

“Durante l’anno – continua Guerrini – vedo gli spettacoli in giro, nei teatri e ai festival, in Italia e in Europa, e poi sono felice di invitare gli artisti in questo luogo che amo e dove ho trascorso l’infanzia per dare la possibilità anche ai giovani e giovanissimi di confrontarsi con il linguaggio del teatro, della danza e della drammaturgia contemporanea. Ringrazio il Comune di Manciano, la Consulta per il sociale e le politiche giovanili, il circolo Arci, i ristoratori e gli albergatori del territorio per il sostegno ricevuto”.

Per informazioni e prenotazioni 3398512693.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!