Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
teatro dei concordi roccastrada

“Abissi Clandestini” la tragedia dei naufragi al Teatro dei Concordi

21/03/18

EVENTO GRATUITO
: Teatro dei Concordi Teatro dei concordi roccastrada - Inizio ore 11,00

Attenzione l'evento è già trascorso

ROCCASTRADA – La tragedia dei naufragi dei migranti davanti alle coste italiane sbarca sul palcoscenico del Teatro comunale dei Concordi di Roccastrada con lo spettacolo “Abissi Clandestini”. L’appuntamento è in programma mercoledì 21 marzo, alle ore 11, portato in scena dall’associazione culturale Arts & Crafts di Grosseto in collaborazione con il Comune di Roccastrada e rivolto agli alunni della scuola secondaria di primo grado di Ribolla, ospiti in questo periodo negli spazi della struttura scolastica di pari ordine a Roccastrada.

Lo spettacolo unirà musica e teatro per sensibilizzare il giovane pubblico sul tema dei migranti e dei loro sbarchi partendo da quanto avvenne la notte di Natale del 1996 nel canale di Sicilia, con il più grande naufragio della storia del Mediterraneo dalla fine della Seconda guerra mondiale passato alla storia come il “naufragio di Portopalo”. Le vittime furono circa trecento persone di origine pakistana, indiana e tamil e lo spettacolo darà voce a un tragico evento sopito nel silenzio attraverso la conoscenza di testi, autori, giornalisti, poeti e cantautori che hanno avuto il coraggio di parlare, di cantare e di rievocare il dolore legato a tragedie simili.

I protagonisti. Uno degli artisti sul palcoscenico sarà Emanuele Bocci, che restituirà memoria ai fantasmi di Portopalo interpretando dal vivo la sua canzone “Senza vedere” e altri brani. A lui si unirà l’attrice Irene Paoletti, che accompagnerà la performance passando attraverso l’interpretazione di scena, situazioni e personaggi che hanno caratterizzato lo svolgimento di questa storia: da quello che stava accadendo nelle case degli italiani nei giorni di natale del 1996 a come stava vivendo la sua partenza verso l’Italia un ragazzo tamil di diciotto anni in fuga dalla persecuzione etnica fino a perché e quando i pescatori di Portopalo iniziarono a tirare su fantasmi nelle proprie reti.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!