Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Sara Donzelli la lettrice

A Castiglione torna “La lettrice”: con i racconti di Edgar Allan Poe

07/08/17

EVENTO GRATUITO
: Paese Castiglione della Pescaia, GR, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Lunedì 7 agosto, alle ore 21.45, sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista, nella parte alta del borgo medioevale di Castiglione della Pescaia, terzo appuntamento con La Lettrice, il progetto dedicato all’ascolto voluto dal Comune di Castiglione della Pescaia e dalla compagnia teatrale Accademia mutamenti. Questo evento, come tutti gli altri presenti nel cartellone estivo stilato dall’amministrazione comunale della cittadina costiera, è ad ingresso gratuito.

Protagonista delle letture sceniche di Sara Donzelli sarà questa volta Edgar Allan Poe, il grande scrittore americano della prima metà dell’800, precursore dell’horror, del fantasy, del giallo e del poliziesco, generi letterari che diventeranno icone pop nel corso dell’800 e del ‘900. E’ uno dei più grandi e influenti scrittori di tutti i tempi: una biografia tormentata, accidentata, difficile e drammatica ha permeato la sua opera di emozioni profonde e una potenza immaginifica totalmente nuova, rivoluzionaria e sorprendente, unite ad una indiscussa perfezione tecnica e padronanza del linguaggio.
Per questa serata sono stati scelti tre pezzi, dei capolavori assoluti che nel corso di due secoli hanno ispirato moltitudini di musicisti, cineasti, scrittori e pittori.

“Manoscritto trovato in una bottiglia” è una storia drammatica in cui seguiamo l’angoscia e il dramma di un naufrago, che viene a trovarsi immerso in una serie di circostanze strane e terribili e comincia a scrivere un manoscritto per raccontare quello che gli sta accadendo; il mare è un’entità occulta, e unito a un cielo che assume colori insoliti ci catapulta in un misto di realtà e fantasia.

“Il pozzo e il pendolo” è considerato il primo racconto del terrore nella sua forma moderna; la tensione si concentra su elementi percettivi e sensoriali: la paura, la perdita di lucidità sino alla pazzia, l’ossessione della morte mescolata con l’irragionevole permanere della speranza.

“Il Corvo”, giudicata una delle poesie più emozionanti che siano mai state scritte, è famoso per la sua musicalità e l’atmosfera sovrannaturale; narra la cupa vicenda di un amante in pena per la sua amata morta, che a mezzanotte riceve la visita di un maestoso corvo che che ripeterà monotonamente “Nevermore” (Mai più), tracciando l’apice del dolore per l’irreparabilità della perdita.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!