Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Mauro Chechi

A Batignano torna CantaMaremma, in ricordo di Sesto Vergari

29/06/19

EVENTO GRATUITO
: Batignano Batignano, GR, Italia
  • info.prolocobatignano@gmail.com
  • Tel. 3488687273

Attenzione l'evento è già trascorso

BATIGNANO – L’iniziativa “Cantamaremma… per Sesto”, nata in maniera spontanea nel 2016, è arrivata al suo quarto appuntamento grazie all’impegno della Pro Loco di Batignano. La manifestazione, che si svolgerà il 29 giugno, a partire dalle 18, è dedicata a Sesto Vergari, un appassionato cultore di canti popolari, che è vissuto a Batignano; memorabile la sua versione di “Maremma amara” che tutt’ora si può ascoltare su internet o incisa in alcuni CD del “Coro degli Etruschi”. L’evento è patrocinato dal Comune di Grosseto.

Saranno presenti Lisetta Luchini e Mauro Chechi e naturalmente alcuni gruppi, portatori della tradizione orale, che propongono il canto popolare mantenendo un filo diretto con la cultura contadina proprio attraverso le varie espressioni canore (vedi il Maggio, le Befanate o la poesia estemporanea) che hanno finito per caratterizzare la cultura popolare di questo terra.

Le tradizioni popolari sono divenute, dal secondo dopoguerra, materia di ricerca e di studio per antropologi e etnomusicologi. Qui in Maremma sono vissuti personaggi come Morbello Vergari, Alessandro Giustarini, Roberto Ferretti… che dagli anni ’70 del secolo scorso hanno realizzato ricerche nel territorio maremmano per conoscere quello che solo la memoria era in grado di restituire.
Da allora sono state attivate nuove “forme d’uso” – attraverso rassegne di teatro popolare, momenti di spettacoli pubblici – che si legano alla storia del territorio in una sorta di continuità ideale.

«Oggi, per apprezzare le tradizioni, occorre avere il coraggio di intercettare nuove potenzialità per un diverso uso delle risorse tradizionali – afferma Corrado Barontini per l’Associazione “Maremma Cultura Popolare” – ad esempio legandole al turismo, ad una politica del territorio molto più dinamica ed aperta a forme di contaminazione che riconoscano la validità della cultura popolare nella formazione di una identità territoriale. L’iniziativa di Batignano ci pare vada proprio in questa direzione».

Oltre ai canti e alla musica sarà possibile partecipare ad una merenda tradizionale ad offerta.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!