Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

In esclusiva per Conad degustazione del biscotto salato di Roccalbegna con farine di grani antichi

 

GROSSETO – A Roccalbegna c’è un panificio straordinario, lo gestisce Libero Conti. Tra le delizie che vengono sfornate ogni giorno in questo luogo occupano un posto speciale i biscotti salati di Roccalbegna, realizzati con farine di grani antichi macinati a pietra. Per chi volesse assaggiare questa specialità della tradizione, riconosciuta presidio Slow Food, l’appuntamento è sabato 23 giugno, dalle 8 e 30 alle 13, al Conad Aurelia Antica dove Libero Conti con la  delegazione Slow Food presenterà il biscotto salato di Roccalbegna realizzato con farine di grani antichi macinate a pietra. I biscotti saranno disponibili in degustazione.

“I prodotti del territorio sono una caratteristica fondamentale per Conad Grosseto. In CONAD li valorizziamo offrendo agli artigiani del cibo ampio spazio e alta visibilità nei nostri punti vendita – spiega Paolo degli Innocenti, presidente e socio di Clodia, la società proprietaria dei negozi Conad di Grosseto – C’è tutto un mondo di sapori che arriva dal passato e che rischia di essere perduto. Difendere e tutelare la tipicità per noi ha un valore culturale e sociale. E c’è anche un’economia collegata a questi prodotti a cui CONAD offre opportunità di sviluppo”.

Il biscotto salato di Roccalbegna affonda le sue origini nel Medioevo. Le donne per secoli hanno tramandato la ricetta oralmente passandola di madre in figlia. Fino a qualche decennio fa, in ogni casa c’era un mestolo dedicato all’impasto dei biscotti che si passava di generazione in generazione. La ricetta è legata alle materie prime disponibili localmente: farina, olio extravergine di oliva, semi di anice, vino bianco, sale. Il biscotto ha una superficie di colore dorato, è lucido e irregolare. L’aroma è caratterizzato dall’olio extravergine e dai sentori dell’anice, che donano una gradevole persistenza in bocca. La produzione di questo biscotto, un tempo diffusa anche in altri piccoli centri dell’Amiata, è progressivamente scomparsa ed è sopravvissuta in maniera particolare a Roccalbegna, dove la tradizione era più radicata.

Libero Conti conserva e propone la ricetta originale, per questo, la sua produzione può fregiarsi del marchio di qualità Slow Food.

“Sabato ad Aurelia Antica – spiega Libero Conti – porterò in degustazione sia la versione semplice, sia quella realizzata con farine di grani antichi. Io utilizzo il Verna, il Gentilrosso e il Frassinetto, macinati in pietra. L’utilizzo di farine di grani antichi, più ricche di principi attivi, dà un valore particolare a questo biscotto della tradizione in termini di qualità nutrizionali, di sapore e di consistenza. L’altro aspetto interessante è che la farina di grani antichi contiene una quantità inferiore di glutine”.

ll biscotto salato di Roccalbegna prodotto da Libero Conti si trova IN ESCLUSIVA ASSOLUTA nei punti vendita Conad di Grosseto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.