La protesta dei residenti: «Distruggono gli orti per costruire una strada per il Maremà»