Rigassificatore

Rigassificatore, Ferrari: «Giani rigetta le richieste del Comune in spregio ai principi di democrazia»

Francesco Ferrari

PIOMBINO – «Il Comune di Piombino ha avanzato delle richieste nei confronti del commissario straordinario Eugenio Giani in ordine al procedimento per il rigassificatore: spiace constatare che il Commissario continua ad agire in spregio ai principi di democrazia, trasparenza e partecipazione».

Così il sindaco di Piombino, Francesco Ferrari in una nota.

«Appena aperto il procedimento abbiamo avanzato tre richieste: la prima di avere integrazioni documentali sul progetto da parte di Snam, la seconda per far includere tra i soggetti ai quali viene richiesto un parere anche gli altri Comuni della Val di Cornia, quelli dell’Isola d’Elba, il Comune di Follonica e il Comitato salute pubblica e la terza, forse la più importante, era quella di avviare un’inchiesta pubblica così da avere, finalmente, uno spazio istituzionale adeguato in cui aprire un dialogo con i cittadini e i portatori di interesse».

«Il commissario Giani – prosegue Ferrari – ha accolto la prima richiesta concedendo a Snam venti giorni per integrare la documentazione originariamente prodotta, gravemente carente sotto molti aspetti, anche, e soprattutto, per quanto riguarda i numerosi rischi per la salute e la pubblica incolumità. Tuttavia, la Regione Toscana non ha sospeso il procedimento costringendo così tutti gli Enti a esprimere il proprio parere senza avere il tempo di approfondire adeguatamente la documentazione integrativa che sarà depositata da Snam. È un’inaccettabile lesione del diritto di partecipazione per tutti gli Enti, specie per il Comune di Piombino chiamato a difendere un’intera comunità, oltre che degli altri portatori di interessi, i quali dovranno addirittura depositare le proprie osservazioni prima ancora che Snam depositi le integrazioni richieste, e dunque su documentazione progettuale di fatto già superata».

«L’intero procedimento – aggiunge – ne risulta insanabilmente viziato. In merito alla richiesta di allargare la platea dei soggetti, il Commissario, senza dare alcuna spiegazione sul motivo di questa scelta, ha accolto solamente i Comuni di San Vincenzo e Campiglia Marittima escludendo tutti gli altri e il Comitato salute pubblica. Se già questo non fosse sufficiente, ha rigettato la richiesta di avviare un’inchiesta pubblica. Secondo il commissario Giani io ho un’ossessione per lui ma non si rende conto che sto solo difendendo un territorio e la salute della popolazione dalle sue decisioni e dal suo modo di intendere la democrazia».

 

leggi anche
Cgil 2022
Piombino
Rigassificatore, Cgil: «Chiediamo garanzie, altrimenti votiamo contro»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI