Quantcast
Io me lo ricordo...

Ve lo racconto io Castiglione: quando dovevamo fare la puntura

Ve lo racconto io Castiglione

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Quando malauguratamente abbiamo la necessità di fare delle iniezioni è tutto molto semplice: siringhe monouso, aghi super sottili e dopo un po’ di prove siamo in grado, chi più o chi meno, di praticare “la puntura”.

In un tempo non troppo lontano non era così, anzi era abbastanza complicato. La mancanza di strumenti idonei a perdonare anche chi aveva la mano pesante faceva si che dovessimo rivolgerci a persone in grado di praticarci le iniezioni in maniera sicura e il più indolore possibile.

Queste signore erano tuttavia il terrore di noi bambini perché la puntura era sempre la puntura. Era anche l’armamentario che incuteva il terrore: Lorina, Marianna ed Ersilia, ma anche poche altre, erano le “punturatrici” ufficiali del paese, si dividevano le zone.

Prestavano la loro opera in casa ma più spesso nelle nostre case. Il giorno stabilito si cominciava a vedere vicino alla cucina economica quell’astuccio di metallo con dentro siringa e ago immersi nell’acqua in attesa della bollitura

Poco più in la la bottiglia con l’alcol e il cotone idrofilo e la scatoletta di farmacia

L’ansia cominciava a prendere campo e dopo il suono del campanello l’ansia si trasformava in paura. “Cosa deve fare? Penicillina?”. “Eh si, la solita bronchite…”

E qui cominciava il rito. Montaggio della siringa e dell’ago, apertura della scatola, estrazione della bottiglietta, il riempimento… L’odore dell’alcol faceva da contorno

“La facciamo in piedi o sdraiato?”
A quel punto non capivamo più niente ma la maestria delle inoculatrici ci faceva dire come in quella pubblicità odierna “già fatto?”.

Oggi mi torna in mente, nel guardare quel film di Verdone dove il camionista che fa l’iniezione alla nonna dice “questa mano po esse fero e po esse piuma”.

leggi anche
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: Puffa la gatta che abbaiava
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: le gite domenicali con la famiglia
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: i pranzi della domenica al podere dei nonni
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: il cocomero in fresco, la gazzosa e la frittata di zia Renata
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando cantavamo Aquarius davanti al Jukebox
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: non erano solo canzonette
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando andavamo a mangiare il cocomero “bussato”
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: le giornate di pioggia e i salti nelle pozzanghere
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: la scuola elementare e le “classi speciali”
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando il tempo lo prevedeva Bernacca
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando restai incastrato nel cunicolo che portava dentro le Mura
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando mi persi nel bosco e feci “briciole di maglione” per tornare a casa
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando arrivò il circo e facemmo la foto sull’elefante… di legno!
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo
Ve lo racconto io Castiglione: quando si fumava anche in chiesa
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando in tabaccheria vendevamo il Chinino di Stato
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo
Ve lo racconto io Castiglione: i villeggianti e l’incidente per guardare le vetrine
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: il carnevale del 1968
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: l’avventura di Fogar e del Surprise
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: i lunghi pomeriggi invernali tra il traforo e bandiera gialla
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: le bucce dei mandarini sui ferri della cucina economica
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: la caccia con i gremignoli e la donnola in cantina
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI