Quantcast
Io me lo ricordo...

Ve lo racconto io Castiglione: Puffa la gatta che abbaiava

Ve lo racconto io Castiglione

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Puffa era una gatta meravigliosa, con quel pelo soffice che solo i gatti persiani possiedono. Era una gatta affettuosa, che viveva in casa con i miei genitori, amata e rispettata. Era necessariamente rispettata anche da  “Nanina” la cagnolina di mio fratello, un bell’esemplare di pechinese.

Tra gli animali in casa comandava Puffa e a dire il vero comandava anche sugli umani, con quel carattere sornione ma impertinente capace di farti  assaggiare le unghie se disturbata.

Solo mamma riusciva a pettinarla mentre babbo era addetto alla cattura quando c’era da portarla dal veterinario.

In estate con il caldo amava appollaiarsi sul davanzale interno della finestra del soggiorno.

In quel posto, con la finestra aperta e l’imposta leggermente sollevata, si godeva lo spiffero d’aria capace di rinfrescarla un po’,
Nanina invece stava accucciata sul pavimento di marmo anche lei tesa a cercare refrigerio.

Una sera eravamo in poltrona, al buio, per non attirare le zanzare,  parlavamo mentre gatto e cane avevano preso le loro posizioni predilette.

Alcuni villeggianti, rientrando nell’appartamento a fianco, avevano notato la gatta stesa e uno di loro, colpito dalla sua  bellezza,  aveva cercato di farle i complimenti  dicendo non so cosa. Il cane nel sentire quella voce sconosciuta abbaiò.

Il povero villeggiante si ritrasse di colpo quasi spaventato e guardò il gatto, chiamò la moglie dicendo “vieni qua c’è un gatto persiano che abbaia” E lei “ma che ti ha dato noia la birra? Te l’avevo detto di bere meno!”

La moglie si avvicinò incredula e anche lei disse qualcosa guardando quella gatta beatamente distesa, Nanina abbaiò ancora e la bagnante disse “si vede che sembra un gatto ma è un cane di una razza esotica, qui a Castiglione ci viene gente con i soldi e chissà che razza di cani si possono permettere…”, poi s allontanò.

Noi da dentro cominciammo a ridere come matti, chiedendoci come fosse stato possibile una così esagerata forma di immaginazione.

leggi anche
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: i pranzi della domenica al podere dei nonni
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: il cocomero in fresco, la gazzosa e la frittata di zia Renata
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando cantavamo Aquarius davanti al Jukebox
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: non erano solo canzonette
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando andavamo a mangiare il cocomero “bussato”
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: le giornate di pioggia e i salti nelle pozzanghere
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: la scuola elementare e le “classi speciali”
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando il tempo lo prevedeva Bernacca
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando restai incastrato nel cunicolo che portava dentro le Mura
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: quando dovevamo fare la puntura
Ve lo racconto io Castiglione
Io me lo ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: le bucce dei mandarini sui ferri della cucina economica
Ve lo racconto io Castiglione
Io mi ricordo...
Ve lo racconto io Castiglione: la caccia con i gremignoli e la donnola in cantina
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI