Quantcast
Grosseto

“Rivoluzione” Rama: «Nuova mission che guarda a green e digitale. Ma il fulcro resta la mobilità»

Rama sede 2017

GROSSETO – Rama Spa ha definito la nuova mission e la nuova immagine aziendale, segnale di un ritrovato slancio per la storica azienda della Provincia di Grosseto, che per molti anni è stata il simbolo del trasporto pubblico locale. Una svolta che, però, non intende cancellare il passato.

“Nonostante questo rinnovamento, Rama si occuperà sempre di mobilità con l’obiettivo di creare l’infrastruttura e l’ecosistema digitale a favore della mobilità leggera nella provincia di Grosseto”, spiegano dalla società.

“L’obiettivo di Rama ha già cominciato a concretizzarsi, a seguito del primo investimento fatto dalla società nel parcheggio ad Alberese, punto di snodo delle principali ciclovie che attraverseranno la Maremma: la Due mari e la Tirrenica. Un parcheggio che unirà le due nuove anime dell’azienda: il digitale e il green”.

“Quello di Alberese non sarà un semplice parcheggio – prosegue la nota di Rama -, ma un punto in cui sia i turisti che i maremmani potranno usufruire di servizi di diverso genere, tra i quali: la possibilità di ricaricare veicoli elettrici come auto o e-bike, e l’accesso digitale per poter fruire il territorio in modo più diretto e green. Un modello da replicare su tutto il territorio maremmano. Questa nuova identità di Rama, inoltre, è in completa sinergia con le attività di Tiemme Spa, anch’esse rivolte alla creazione di una mobilità sostenibile, anche se effettuata su gomma”.

Come commenta il presidente Guido Delmirani: “Dopo il 2021, che ha visto un aumento di capitale gratuito per i soci da 1,6 milioni a 4 milioni di euro, Rama ritrova nuovamente un suo ruolo all’interno della mobilità nella Provincia di Grosseto. Una mission in linea sia con il momento storico che con le aspettative nazionali ed internazionali. R.a.m.a. è oggi un’azienda che guarda sia all’innovazione che al green”.

“Innovazione e green sono ben riconoscibili anche nella nuova identità visiva aziendale, nella quale il passato non viene dimenticato ma richiamato con forza. Non a caso nel nuovo logo, oltre al colore verde, è stato mantenuto il rosso, rimando al colore storico dell’azienda maremmana, fondata nel 1913”, conclude la nota Rama.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI