Gavorrano

Tutti aspettano Biondi: il Pd lo promuove, ma la candidatura resta in bilico

Andrea Biondi

GAVORRANO – Parlare delle prossime elezioni amministrative nel comune minerario è forse prematuro, ma il comune di Gavorrano, in passato due volte commissariato, non è un paese come tutti gli altri. Nonostante manchi più di un anno alle elezioni (si voterà per il nuovo sindaco in primavera 2023) le prime mosse politiche stanno avanzando, come ad esempio la riorganizzazione del centrodestra che ovviamente non ha ancora rivelato il proprio candidato sindaco e giustamente sta aspettando anche le mosse del centrosinistra.

La domanda che sta alla base delle future coalizioni di centrosinistra in questo momento, però, è questa: Andrea Biondi, attuale sindaco eletto nel 2018, si ricandiderà alla prossima tornata elettorale?

 Biondi aveva vinto le scorse elezioni nel 2018 come esponente civico con la lista “Gavorrano progressista”, appoggiata dal Partito democratico, a cui in seguito ha ufficialmente aderito il 27 ottobre 2020. Il suo operato ad oggi viene definito «positivo» dal partito di cui è tesserato da un anno e mezzo, «ma un giudizio più completo potremo darlo solo dopo che, come Pd, ci saremo confrontati con i cittadini».

A grandi linee si potrebbe dire che Biondi ha tutte le carte in regola per poter essere ricandidato. Del resto, come si dice, un buon sindaco si riconosce al secondo mandato.

Quali siano le sue intenzioni, però, non è molto chiaro. Cioè si potrebbe anche giustificare che è decisamente presto per esporsi, sia perché c’è da portare a termine ancora l’attuale legislatura e farne un bilancio, sia perché politicamente parlando è altrettanto “sconsigliato” scoprire le proprie carte così presto, che in un certo senso potrebbe “avantaggiare” la controparte. Ma come affermato prima, Gavorrano è Gavorrano…

«Faccio una sola legislatura, ma a modo mio» aveva scritto Biondi già un anno fa su i suoi canali social, un’affermazione che confermerebbe la sua intenzione di lasciare il municipio nel 2023. Il primo cittadino al momento, però, non si scompone, né conferma né smentisce la sua ricandidatura: «I tempi sono ancora acerbi» dice, così come afferma anche il segretario del Pd, Fabrizio Tonini: «È un po’ presto per parlarne. Vedremo cosa deciderà Biondi».

Pare, quindi, che il Partito democratico e il sindaco non abbiano ancora deciso niente, addirittura l’argomento non sarebbe stato  affrontato. «È un percorso che parte in primis da lui – dice Tonini – e da quello che vuole fare. Avremo modo di parlarne con lui a breve. Al momento siamo concentrati sul finire bene questo mandato. Se decide di ricandidarsi la vediamo come una cosa assolutamente positiva, ovviamente prima vanno concordati insieme i prossimi obiettivi e i programmi. Ne parleremo tutti insieme, perché crediamo che le vittorie si costruiscano insieme e non dipendano solo da un singolo, ma da tutta la squadra».

«Ad oggi il giudizio sull’operato amministrativo di Biondi e dell’amministrazione è positivo – aggiunge il segretario -, sono state affrontate molte questioni anche se per alcune cose non basta una legislatura ovviamente. Il sindaco e gli assessori sono stati costantemente presenti tra la popolazione, ma un giudizio più completo potremo darlo solo dopo che, come Pd, ci saremo confrontati con i cittadini e le varie realtà associative sociali e imprenditoriali del territorio, come e giusto che sia e come abbiamo sempre fatto. Al momento abbiamo avviato un percorso nel partito al quale il sindaco ha presentato una sorta di bilancio di legislatura. Ne parleremo ancora nel Pd e con gli altri esponenti civici della coalizione per impostare il lavoro dell’ultimo anno di legislatura, fissare gli obiettivi, e finire al meglio questo mandato che i gavorranesi ci hanno affidato».

Insomma, il Partito democratico, che alle prossime elezioni giocherà senz’altro un ruolo importante, per ora non si sbilancia. Niente di sorprendente del resto, ma il centrodestra negli ultimi quattro anni ha lavorato sodo e di certo non sta perdendo tempo per prepararsi al meglio alle prossime amministrative.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie de IlGiunco.net iscriviti gratis alla nostra newsletter. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella postale alle 19. Basta cliccare QUI

leggi anche
Andrea Maule
Politica
Il centrodestra pensa alla squadra, Maule: «Stiamo lavorando. Sono disponibile alla candidatura»
Massimo Borghi
Politica
Verso il voto, Borghi: «Io non mi ricandiderò. Ma ho un’idea» 


Andrea Biondi
#amministrative2023
Biondi ha deciso: «Non mi candido, torno al lavoro». Si apre la corsa alle amministrative 2023
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI