Quantcast
Confartigianato

Caro carburante, incontro tra autotrasportatori e Governo: «Delusi e ancora più preoccupati»

Mauro Squarcia

GROSSETO – “Siamo delusi e ancora più preoccupati. Le controproposte fatte ieri in sede di trattativa lasciano l’amaro in bocca ma soprattutto non vanno nemmeno parzialmente a marginare le spese, ingiustificate, che gli autotrasportatori si trovano ad affrontare.” Sono le dure parole di Mauro Squarcia, presidente degli autotrasportatori di Confartigianato Grosseto subito dopo l’incontro avvenuto ieri a Roma con il Governo.

“L’ottusità di chi dovrebbe comprendere la gravità del momento e le difficoltà con le quali il settore è costretto a vivere sono davvero disarmanti – continua –. Abbiamo chiesto a chi lavora nel settore di avere fiducia e pazienza tant’è che ad oggi non abbiamo ancora spento i motori, ma dopo quanto emerso ieri non possiamo assicurare che questo non accada. E’ inconcepibile che il Ministero non abbia delle serie proposte in merito alle compensazioni per il caro carburanti; sulla questione infatti è stato annunciato che alla categoria, che ricordiamo è in ginocchio, sarà data risposta con un provvedimento generale di cui però non sono chiari i contenuti, anche se voci non confermate parlano di una riduzione del gasolio di 15cent. Un ritocco che accogliamo ma che è evidentemente molto al di sotto di quanto ci aspettavamo e di quanto serve alle nostre aziende per poter almeno sopravvivere. Ora – conclude Squarcia – nostro malgrado saremo costretti a scegliere altre strade, altre forme di protesta che inevitabilmente ricadranno sui cittadini e la responsabilità sarà dovuta a questo tergiversare del Governo”.

“La situazione è al limite e il malcontento degli autotrasportatori è giustificato – incalza Gianluigi Ferrara– dirigente settore autotrasporti di Confartigianato -. Per fermare questa speculazione che è in atto avevamo proposto di attuare dei controlli serrati e di fissare per decreto un tetto al prezzo del gasolio, abbiamo chiesto un credito di imposta del 30% immediato, la riduzione delle accise e che il maggior costo del gasolio venga ribaltato in fattura. Purtroppo da parte di chi dovrebbe tutelare abbiamo trovato solo risposte effimere e non confacenti alle reali necessità di chi ha continuato a lavorare, senza sosta, anche nei mesi di lockdown. Come Confartigianato rimaniamo comunque fiduciosi e vogliamo credere che l’incontro di ieri sia un segnale di apertura, ma il tempo passa e le nostre aziende rischiano di dover spegnere definitivamente i motori. Per questo invitiamo il Governo ad uno sforzo maggiore e ad ascoltare le richieste dei rappresentanti di categoria”.

leggi anche
distributore benzina diesel benzinai
Sciopero
Caro carburante: il 4 aprile il fermo nazionale degli autotrasporti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI