Cronaca

Denunciati cinque cyberbulli: insultavano e tormentavano un compagno di classe disabile

Tastiera internet web computer

Ascolta "IlGiunco.net Podcast - Le news di oggi 7 marzo 2022" su Spreaker.

GROSSETO – L'avevano preso di mira, insultandolo con offese razziste e tormentandolo per la sua disabilità.

Cinque ragazzi di 14 e 15 anni sono stati denunciati dalla Polizia postale con l'accusa di cyberbullismo. Le indagini erano nate dopo che la madre del ragazzo si era rivolta ad un insegnante dopo aver scoperto i messaggi sul gruppo whatsapp della classe. La denuncia era poi stata presentate dall'insegnante.

I messaggi di cui era vittima il ragazzo erano tantissimi, ed avevano un tono offensivo, discriminatoria attraverso la con Dad, perché soggetto a lunghi periodi di ospedalizzazione, perché affetto da grave disabilità.

Gli specialisti della Polizia postale hanno estrapolato subito la chat d’interesse, accertando e individuando i ragazzi resisi responsabili delle condotte offensive e discriminatorie. Il procuratore capo Antonio Sangermano, ha così emesso cinque provvedimenti di perquisizione a carico dei titolari dei profili social individuati. Provvedimenti eseguiti tutti questa mattina.

Nel corso delle operazioni sono stati rinvenuti elementi di reità a carico dei destinatari del provvedimento ed ulteriori sviluppi potrebbero emergere dall’analisi dei dispositivi sequestrati.

Gli investigatori del compartimento Polizia postale e delle comunicazioni di Firenze e della sezione di Grosseto, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Firenze, hanno denunciato i cinque ragazzi della provincia di Grosseto, di 14 e 15 anni, per atti persecutori nei confronti di un loro coetaneo, con le aggravanti di aver agito per finalità di discriminazione e odio etnico, nonché ai danni di una persona affetta da grave disabilità e per motivi abietti ovvero per “bullismo”.

La Polizia postale ricorda:

• La vigliaccheria sul web è molto grave in quanto dietro ad un cellulare od a uno schermo si pensa di poter dire cose che nella realtà non si riuscirebbe mai a dire. Proprio per questo l’uso corretto delle parole in rete è fondamentale per crescere bene e nel rispetto della legalità e della dignità di tutti.

• Sul web ogni comportamento può essere tracciato, ricostruito e denunciato alla Polizia, se arreca danno a chi lo subisce.

• Al compimento dei 14 anni, i ragazzi diventano penalmente responsabili delle loro azioni sul web (imputabili).

• Gli insegnanti in quanto pubblici ufficiali, hanno l’obbligo di denunciare fatti penalmente rilevanti (reati) commessi o subiti dagli studenti. Diffamazioni, minacce e insulti in rete devono essere denunciati dalle vittime e quindi è importante informare le famiglie degli studenti su cosa sta succedendo e sul loro diritto di fare una segnalazione o sporgere denuncia.

«Se sei vittima di prepotenze in rete non rimanere in silenzio, anche sul web ci sono regole, leggi e polizia in grado di ascoltarti, aiutarti, trovare le tracce e identificare i prepotenti» conclude la Questura.

leggi anche
Carabinieri notte
Cronaca
Aggressione sulle Mura: fermato un ragazzo. «Avevano anche un martello»
carabinieri notte
Cronaca
Baby gang, dopo l’aggressione sulle Mura torna a minacciare una delle vittime
Tribunale 2016
Cronaca
Aggressione in centro: divieto di uscire di sera per i ragazzi della banda dei minorenni
carabinieri notte
Cronaca
Gang di minorenni terrorizza coetanei in centro. Cinque aggrediti uno rapinato con un coltello
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI