Quantcast
Caro prezzi

Caro prezzi, Spadi: «Settore agroalimentare in forte crisi, indispensabile intervenire»

Donatella Spadi

GROSSETO – “L’aumento dei prezzi e del costo dell’energia sta mettendo in ginocchio l’agricoltura toscana. Dobbiamo intervenire al più presto, anche perché la crisi del settore agricolo rischia di colpire tutta l’economia regionale”. Donatella Spadi, consigliere regionale Pd, interviene sul problema del caro prezzi che, da mesi, sta mettendo in difficoltà tutto il comparto agricolo. Ieri, giovedì 17 febbraio, moltissimi allevatori e produttori si sono ritrovati a Firenze, davanti il Consiglio regionale, e nelle piazze di Grosseto per protestare contro l’eccessivo aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime.

“Solo nell’ultimo anno – commenta Spadi – i costi di produzione delle aziende agricole sono aumentati del 30-40 per cento, mentre i prezzi dei beni alimentari sono aumentati del 4 per cento. La Toscana sta vivendo una situazione preoccupante e serve un confronto urgente per cercare di trovare una soluzione al più presto. Gli allevamenti bovini, in particolare, rischiano collasso per il prezzo del latte, troppo basso rispetto ai costi di produzione. Ma è tutto il comparto lattiero caseario a essere in difficoltà, un settore d’eccellenza nazionale e che rappresenta una fetta importante per l’economia maremmana. I caseifici, così come gli allevamenti ovini, infatti, necessitano di energia elettrica e gas in gran quantità, utenze che solo nell’ultimo anno sono aumentate del 93 per cento”.

“Le coltivazioni – continua il consigliere dem – stanno vivendo un aumento esponenziale dei prezzi. L’utilizzo degli azotati, prodotto fondamentale per la coltivazione di grano, è diventato insostenibile. Sul fronte dei trasporti, l’80 per cento dei prodotti agricoli in Toscana viaggia su gomma, con costi altissimi a causa dell’aumento della benzina. L’assessore regionale all’Agricoltura, Stefania Saccardi, e le associazioni di categoria che in questi giorni sono costantemente a lavoro per trovare le soluzioni rapide e cercare di rallentare questo processo di ‘distruzione’ dell’intero settore. Per questo impegno li ringrazio e sarò al loro fianco in questa battaglia”.

“Adesso – conclude Donatella Spadi – è il momento di unire le forze e formare un tavolo tecnico tra istituzioni e associazioni di categoria per individuare le soluzioni più adeguate. È importante avere un dialogo anche con la grande distribuzione che rappresenta il mercato più importante per il settore agroalimentare. Fare rete è importantissimo, la tutela delle nostre aziende agricole, adesso, deve essere una priorità”.

leggi anche
Coldiretti in piazza
Coldiretti
Caro bollette, sotto costo e pratiche sleali: dopo la protesta di Coldiretti, convocato l’Ispettorato repressione frodi
Coldiretti in piazza
Attualità
Coldiretti in piazza: «Costi troppo alti, agricoltura e made in Italy a rischio»
Coldiretti su Testo unico Viticultura
Agricoltura
«Gli agricoltori non riescono neppure a coprire le spese» Coldiretti scende in piazza
Lega bandiera (2018)
Politica
Caro prezzi, Lega: «Necessarie misure a favore degli agricoltori»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI