Quantcast
Coldiretti

Caro bollette, sotto costo e pratiche sleali: dopo la protesta di Coldiretti, convocato l’Ispettorato repressione frodi

Coldiretti in piazza

GROSSETO – La protesta muscolare di allevatori ed agricoltori maremmani in piazza Fratelli Rosselli, a Grosseto e contemporaneamente nel centro di Firenze, porta alla convocazione del direttore regionale dell’Ispettorato Repressione Frodi del Ministero dell’Agricoltura da parte della Prefettura per verificare eventuali pratiche sleali a danno delle imprese agricole e del tavolo regionale sul latte da parte del vice presidente della giunta, Stefania Saccardi. Un tema quello del prezzo del latte che interessa da vicino la provincia di Grosseto: con quasi il 60% del totale della produzione regionale (circa 36 mila tonnellate) la Maremma è la “banca” della Toscana.

Al centro della protesta, tra slogan, campanacci, caseificazione live e distribuzione di latte fresco ai passanti, il caro bollette che ha interessato materie prime ed energia e le speculazioni che strozzano le imprese agricole costrette in molti cari a vendere sotto costo, l’applicazione della legge contro le pratiche sleali voluta proprio da Coldiretti per garantire alle imprese una giusta remunerazione partendo dal costo di produzione e lo sblocco di importati finanziamenti del Pnrr sulle filiere e sulle energie rinnovabili, in particolare il fotovoltaico, che la principale organizzazione agricola, punta a sfruttare sui tetti di stalle e cascine per tagliare le bollette ed il biogas.

“Ringraziamo i tanti allevatori ed agricoltori di Livorno, Pisa e Siena arrivati a Grosseto per questa giornata di rivendicazioni e gli amministratori che hanno deciso di stare al nostro fianco. – commenta il presidente Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi che alla guida di una delegazione ha incontrato il Prefetto di Grosseto per consegnargli una documento destinato al premier Draghi – La convocazione del direttore dell’Ispettorato Centrale Repressioni Frodi da parte della Prefettura è un primo passo per far rispettare la legge contro le pratiche sleali, legge che abbiamo fortemente voluto e ci tengo a precisarlo, che vieta la vendita sotto costo. Ai produttori deve essere riconosciuto il giusto prezzo che parte dai costi di produzione che l’impresa sostiene. Il sotto costo è una pratica vietata ma oggi questo non sta avvenendo. Le imprese agricole, e gli allevatori ne sono un triste esempio, producono in perdita. Non siamo qui a chiedere aiuti o sostegni ma il rispetto della legge”.

Il secondo risultato è la convocazione da parte del vice presidente Stefania Saccardi del tavolo sul latte che arriva di distanze di poche settimane dal primo “deludente” incontro con la grande distribuzione organizzata e la trasformazione. Il tavolo tornerà a riunirsi mercoledì 9 marzo alle ore 16.00 in videoconferenza. “La Gdo ed i trasformatori – conclude il Direttore di Coldiretti Grosseto, Milena Sanna –  non possono girarsi dall’altra parte. Non si può aspettare oltre per fermare la speculazione in atto sul prezzo del latte alla stalla. A rischio c’è il futuro degli allevamenti vaccini. Quando una stalla chiude non riapre più con gravi ripercussioni su lavoro, paesaggio, ambiente”.

Per informazioni www.grosseto.coldiretti.it pagina ufficiale Facebook @cdGrosseto, Instagram @Coldiretti_Toscana, Twitter @coldirettitosca e canale ufficiale YouTube “Coldiretti Toscana”.

leggi anche
Donatella Spadi
Caro prezzi
Caro prezzi, Spadi: «Settore agroalimentare in forte crisi, indispensabile intervenire»
Coldiretti in piazza
Coldiretti
Coldiretti: «Dopo la nostra protesta il via libera agli incentivi per impianti biogas»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI