Quantcast
Pitigliano

Bambino ebreo aggredito, il sindaco lo invita a Pitigliano: «Vieni a conoscere la piccola Gerusalemme»

Giovanni Gentili

PITIGLIANO – “Il Giorno della Memoria rappresenta un momento fondamentale per fermarci tutti a riflettere sulle nefandezze che il genere umano è riuscito a compiere. Spesso ripetiamo che tale riflessione deve spronarci per fare in modo che ciò che è avvenuto non accada più, in nessuna circostanza e in nessun tempo. L’aggressione del ragazzino ebreo di dodici anni, picchiato e offeso con insulti antisemiti da alcune coetanee, pochi giorni fa a Venturina, è purtroppo la conferma di quanto ancora oggi ci sia bisogno di impegnarsi per difendere la memoria, parlando soprattutto ai giovani per renderli consapevoli del peso che hanno le parole e le azioni”, recita così la nota del Comune di Pitigliano.

“Al di là di questo particolare e grave atto di bullismo, il fatto che molti ragazzi, talvolta con estrema superficialità, utilizzino nel quotidiano parole di antisemitismo e razzismo è un campanello d’allarme che non deve passare inosservato.”

“Ecco perché è nostro dovere continuare a lavorare sui giovani cercando di intercettare quando possibile il loro malessere e di non sottovalutarlo, per evitare che diventi lo spazio in cui cresce l’odio, la violenza e l’intolleranza”.

“Il nostro auspicio è che gli autori di tale gesto comprendano la gravità di ciò che hanno fatto. Al ragazzino ebreo vittima di violenza e alla sua famiglia esprimiamo tutta la nostra solidarietà. Ci piacerebbe invitarlo nella città del Tufo, per fargli conoscere da vicino la storia della comunità ebraica di Pitigliano e dimostrargli tutta la nostra vicinanza e comprensione”, conclude il Comune.

leggi anche
ebrei dacau olocausto concentramento
Antisemitismo
Bambino ebreo aggredito e offeso: «Devi morire nel forno»
Dachau
Piombino
Aggressione antisemita a bambino ebreo, Pari opportunità: «Episodio vergognoso: pensiero razzista e xenofobo non isolato»
Anpi
Anpi
Agressione a bambino ebreo, Anpi: «L’adolescenza è un periodo difficile, ma a tutto c’è un limite»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI