Quantcast
Agricoltura

Agricoltura, contrasto al lavoro irregolare e sfruttamento: il Comune firma l’accordo Sipla

Lavoro agricoltura campagna braccianti

ROCCASTRADA – IL Comune di Roccastrada e Arci comitato territoriale di Grosseto, hanno recentemente sottoscritto un accordo finalizzato a compiere delle azioni sul territorio finalizzate alla prevenzione ed il contrasto del lavoro irregolare e dello sfruttamento nel settore agricolo.

Il progetto Sipla Nord (Sistema Integrato di Protezione per Lavoratori in Agricoltura) – questo il nome del protocollo – è un progetto approvato e finanziato dal Ministero del Lavoro e dal Ministero dell’Interno, persegue la prevenzione e il contrasto del lavoro irregolare e dello sfruttamento in agricoltura, anche attraverso l’assistenza e la presa in carico delle vittime o potenziali vittime di sfruttamento. È attivo in Lazio, Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Piemonte, Lombardia, Marche, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia.

Grazie alla presenza di operatori qualificati che faranno sportello sul territorio, il progetto Sipla si propone di ampliare le azioni di intervento rivolte ai lavoratori stranieri impiegati in agricoltura che si rivolgono ai servizi sociali, informandoli della presenza e la possibilità di beneficiare di alcuni servizi che tutelano e accompagnano la persona nel mondo lavorativo agricolo (orientamento, tutela, formazione, …), coniugando così le competenze proprie dei servizi sociali con quelle caratteristiche del settore agricoltura.

“Come amministrazione comunale intendiamo – queste le parole del sindaco Francesco Limatola – potenziare sul nostro territorio le azioni di intervento rivolte ai lavoratori stranieri impiegati in agricoltura intensificando i controlli e facilitare l’organizzazione di momenti ed eventi pubblici volti alla sensibilizzazione della popolazione sul tema. Gli operatori del progetto Sipla che saranno presenti sul territorio, raccoglieranno le segnalazioni delle situazioni che possono essere ricondotte a casi di sfruttamento o comunque a cattive pratiche comuni. Ma questo accordo deve avere anche un altro scopo, ovvero quello di organizzare momenti di presenza e di ascolto sul territorio con il fine di far emergere le aziende agricole che si impegnano in pratiche lavorative virtuose, così da rendere il consumatore parte attiva nel contrastare lo sfruttamento lavorativo”.

“Lo scopo – prosegue Limatola – è quello di costruire una rete integrata con altri soggetti coinvolti nella costruzione di percorsi di inclusione sociale e di regolarizzazione lavorativa nel settore dell’agricoltura (dalle aziende agricole, alle associazioni di categoria dei lavoratori e dei datori dei lavori) rivolta a tutta la filiera coinvolta dal fenomeno dello sfruttamento lavorativo, in maniera tale da poter costruire una rete e quindi agire con interventi integrati a più livelli”.

“Siamo molto felici di poter iniziare a collaborare con un’amministrazione comunale – queste le parole dei rappresentanti territoriali del progetto Sipla Nord -, la prima in provincia di Grosseto a sottoscrivere l’accordo. C’è stato molto interesse e volontà di portare il progetto e lo sportello Sipla a Roccastrada e più in generale nel territorio comunale sin dal primo incontro conoscitivo delle due realtà, speriamo vivamente che questo faccia da stimolo anche per altre amministrazioni della nostra provincia. È un primo passo verso un’assistenza ed un orientamento serio nei confronti di questi lavoratori verso aziende e territori che garantiscano loro piena indipendenza e dignità professionale”.

Per avere informazioni sul progetto a livello locale e nazionale: www.retesipla.it – cell. 388 3955899 – indirizzo e-mail: siplagrosseto@gmail.com o direttamente alla sede Arci a Grosseto in via Ravel nei seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato mattina dalle 9 alle 12.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI