Quantcast
Giornata della memoria

Giornata della Memoria: tre appuntamenti per ricordare la Shoah

ebrei dacau olocausto concentramento

PIOMBINO – In occasione della Giornata della Memoria, che si celebra il 27 gennaio di ogni anno, il Comune di Piombino ha organizzato due eventi che si svolgeranno nella giornata di martedì 25. Giovedì 27 al Metropolitan, inoltre, andrà in scena lo spettacolo “La ragazza si chiamava Anna”, un’opera ispirata alle vicende di Anna Frank. 

“Il Giorno della Memoria è il momento in cui siamo chiamati a ricordare la Shoah, le leggi razziali e la persecuzione dei cittadini ebrei che subirono la deportazione, la prigionia e la morte – ha detto il sindaco di Piombino Francesco Ferrari -; è il momento in cui chi ha avuto la fortuna e la forza di sopravvivere a quel periodo drammatico trasmette la propria testimonianza alle nuove generazioni. Il valore di questa giornata consiste nel conservare e proteggere la memoria, cosicché non vada perduta e rafforzi la coscienza civica di ognuno”.

Alle 10.30 in Sala Consiliare sarà presentato il volume “Il dovere della parola”, edito da Pacini Editore nel 2021, scritto da Marina Riccucci e Laura Ricotti.

“Sono state la Senatrice Liliana Segre e la signora Goti Herskovits Bauer – ha detto la Marina Riccucci – a comporre questo libro, durante le lunghe e intense ore in cui hanno conversato con noi; le loro parole, che sono, prima di tutto, testimonianza, ne tramano le pagine, ne costituiscono la filigrana: ascoltare le loro voci è ascoltare la storia, è imparare a non dimenticare, è rendere omaggio a tutte le vittime dei Lager nazisti; e, impossibile, non dirlo, un’esperienza che rende migliori e di cui essere grati”. 

All’appuntamento interverranno il sindaco di Piombino Francesco Ferrari, Luciano Barsotti e Fabrizio Franceschini. Nell’arco dell’incontro saranno proiettati segmenti di interviste a Liliana Segre e Goti Bauer.

A partire dalle 15, sempre in Sala Consiliare, si svolgerà il convegno “La presenza di comunità ebraiche a Piombino: dal Medioevo al Novecento”. Al dibattito, presieduto dal professor Fabrizio Franceschini, interverranno Mafalda Toniazzi, Dario Filippi, Michela Molitierno e Marina Riccucci, che presenteranno testimonianze, relazioni e ricostruzioni relative alla storia delle famiglie ebree del comprensorio nel corso dei secoli. 

Infine, giovedì 27 gennaio alle 21 al Metropolitan andrà in scena lo spettacolo teatrale “La ragazza si chiamava Anna”, per la regia di Michelangelo Fetto. L’opera, liberamente ispirata alle vicende di Anna Frank, si propone, attraverso il racconto delle drammatiche esperienze della giovane, di offrire elementi di riflessione utili alla formazione culturale dei giovani studenti relativamente al pericolo incombente della sottovalutazione del male. La vicenda narrata è incentrata sul periodo della segregazione volontaria della famiglia di Anna che cercò scampo nascondendosi in un magazzino, vivendo nel terrore costante di essere scoperta e trasferita nei campi di concentramento.

Per accedere agli eventi sarà necessario essere in possesso del Super Green Pass. Gli incontri del 25 sono gratuiti mentre i biglietti per lo spettacolo sono in vendita sul portale eventipiombino.it e dalle 16 di giovedì 27 gennaio alla biglietteria del Metropolitan.

In occasione del Giorno della Memoria, che si celebra il 27 gennaio di ogni anno, il Comune di Piombino ha organizzato due eventi che si svolgeranno nella giornata di martedì 25. Giovedì 27 al Metropolitan, inoltre, andrà in scena lo spettacolo “La ragazza si chiamava Anna”, un’opera ispirata alle vicende di Anna Frank.

“Il Giorno della Memoria è il momento in cui siamo chiamati a ricordare la Shoah, le leggi razziali e la persecuzione dei cittadini ebrei che subirono la deportazione, la prigionia e la morte – ha detto il sindaco di Piombino Francesco Ferrari -; è il momento in cui chi ha avuto la fortuna e la forza di sopravvivere a quel periodo drammatico trasmette la propria testimonianza alle nuove generazioni. Il valore di questa giornata consiste nel conservare e proteggere la memoria, cosicché non vada perduta e rafforzi la coscienza civica di ognuno”.

Alle 10.30 in Sala Consiliare sarà presentato il volume “Il dovere della parola”, edito da Pacini Editore nel 2021, scritto da Marina Riccucci e Laura Ricotti.

“Sono state la Senatrice Liliana Segre e la signora Goti Herskovits Bauer – ha detto la Prof.ssa Marina Riccucci – a comporre questo libro, durante le lunghe e intense ore in cui hanno conversato con noi; le loro parole, che sono, prima di tutto, testimonianza, ne tramano le pagine, ne costituiscono la filigrana: ascoltare le loro voci è ascoltare la storia, è imparare a non dimenticare, è rendere omaggio a tutte le vittime dei Lager nazisti; e, impossibile, non dirlo, un’esperienza che rende migliori e di cui essere grati”.

All’appuntamento interverranno il sindaco di Piombino Francesco Ferrari, l’Avv. Luciano Barsotti e il Prof. Fabrizio Franceschini. Nell’arco dell’incontro saranno proiettati segmenti di interviste a Liliana Segre e Goti Bauer.

A partire dalle 15, sempre in Sala Consiliare, si svolgerà il convegno “La presenza di comunità ebraiche a Piombino: dal Medioevo al Novecento”. Al dibattito, presieduto dal professor Fabrizio Franceschini, interverranno Mafalda Toniazzi, Dario Filippi, Michela Molitierno e Marina Riccucci, che presenteranno testimonianze, relazioni e ricostruzioni relative alla storia delle famiglie ebree del comprensorio nel corso dei secoli.

Infine, giovedì 27 gennaio alle 21 al Metropolitan andrà in scena lo spettacolo teatrale “La ragazza si chiamava Anna”, per la regia di Michelangelo Fetto. L’opera, liberamente ispirata alle vicende di Anna Frank, si propone, attraverso il racconto delle drammatiche esperienze della giovane, di offrire elementi di riflessione utili alla formazione culturale dei giovani studenti relativamente al pericolo incombente della sottovalutazione del male. La vicenda narrata è incentrata sul periodo della segregazione volontaria della famiglia di Anna che cercò scampo nascondendosi in un magazzino, vivendo nel terrore costante di essere scoperta e trasferita nei campi di concentramento.

Per accedere agli eventi sarà necessario essere in possesso del Super Green Pass. Gli incontri del 25 sono gratuiti mentre i biglietti per lo spettacolo sono in vendita sul portale eventipiombino.it e dalle 16 di giovedì 27 gennaio alla biglietteria del Metropolitan.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI