Quantcast
Cronaca

Fuga rocambolesca: ubriaco scappa con la ruota bucata e poi aggredisce i carabinieri

Carabinieri notte

SCARLINO SCALO – Andava a zig zag e non si è fermato all’Alt dei carabinieri, ma nel tentativo di fuggire sbatte contro un marciapiede e prosegue con una ruota bucata. L’episodio è avvenuto nella scorsa notte quando una pattuglia della stazione Carabinieri di Roccastrada ha fermato un uomo di 36 anni, originario della provincia di Firenze, ma residente a Scarlino.

L’uomo era alla guida della propria autovettura, e nel transitare a Scarlino Scalo, ha attirato l’attenzione dei militari perché la vettura aveva un’andatura palesemente irregolare, procedendo a zig zag, e costituendo così un pericolo per il guidatore stesso e per gli altri utenti della strada. Immediatamente, i Carabinieri hanno raggiunto la vettura facendo segno di fermarsi: ma il conducente, evidentemente nel tentativo di allontanarsi, ha dapprima invaso la corsia di marcia opposta, fino a sbattere sul marciapiede, e poi ha accelerato dandosi alla fuga.

Ne è nato un inseguimento con la pattuglia, alla quale l’uomo ha cercato di sfuggire nonostante uno degli pneumatici si fosse completamente distrutto a causa dell’urto. Una volta bloccato, il 36enne ha rifiutato di sottoporsi all’accertamento tramite etilometro, iniziando ad inveire contro i militari che hanno cercato prima di calmarlo, arrivando infine a doverlo contenere per le sue intemperanze, nel corso delle quali, oltre a urlare offese di vario tipo, ha tentato anche di aggredire fisicamente i militari.

«Nessuno, ad ogni modo, ha riportato conseguenze fisiche – fanno sapere i militari -. Per l’uomo, dichiarato in stato di arresto, è partita la segnalazione alla Procura di Grosseto, per violenza e resistenza ad un pubblico ufficiale e rifiuto di sottoporsi agli accertamenti attestanti il tasso alcolemico (di per sé il rifiuto, seppur previsto dal Codice della Strada (art. 186 comma 7), prevede tuttavia, per coloro che non si sottopongono al test, conseguenze più severe rispetto a quelle a cui andrebbero incontro se, all’esito del test, riportassero il più alto valore di alcolemia previsto dalle tabelle). L’uomo, è stato posto agli arresti presso il suo domicilio a Scarlino dove attende la celebrazione del rito direttissimo, fissato per il prossimo lunedì presso il Tribunale di Grosseto».

Più informazioni
commenta