Quantcast
Cultura

In biblioteca libri per ragazzi in arabo, albanese, rumeno e ucraino

biblioteca massa

MASSA MARITTIMA – Il Comune di Massa Marittima promuove l’intercultura ospitando “Lo Scaffale Circolante” nello spazio 0-13 anni della biblioteca comunale Gaetano Badii: un servizio di prestito di libri tradotti in arabo, albanese, rumeno e ucraino. Tutti i volumi dello Scaffale Circolante rimarranno nella biblioteca di Massa Marittima per un anno e potranno essere presi in prestito dai giovani lettori. Tante le storie disponibili: dal Bruco Maisazio di Eric Carle, alla simpatica Strega Rossella di Julia Donaldson ed Elmer, l’elefantino variopinto di David McKee insieme ad altri bellissimi testi.

Per il prestito basterà essere iscritti alla biblioteca di Massa Marittima o a una qualsiasi delle altre biblioteche della Rete delle Biblioteche di Maremma (Grobac) e recarsi nella struttura durante l’apertura dello Spazio 0-13, nei giorni martedì, mercoledì e venerdì, dalle 15 e 30 alle 19.

Lo Scaffale Circolante multilingue è un progetto del Polo regionale di documentazione interculturale con sede nella biblioteca Lazzerini di Prato, finanziato dalla Regione Toscana per far circolare sui territori i libri tradotti nelle lingue delle comunità di stranieri maggiormente presenti in Toscana. L’obiettivo è la promozione della lettura e dell’utilizzo dei servizi bibliotecari da parte dei cittadini stranieri immigrati.

“Con questa iniziativa promuoviamo l’intercultura – afferma Irene Marconi, assessore alla Cultura del Comune di Massa Marittima – contribuendo a creare un clima positivo di accoglienza verso le famiglie di migranti che vivono nel nostro territorio. La narrazione e l’ascolto di storie hanno un ruolo centrale nella crescita di tutti i bambini. Spesso però i genitori stranieri si interrogano su quale sia la scelta migliore rispetto alla lingua in cui leggere al proprio figlio, se mantenere quella di origine o sforzarsi di utilizzare quella del paese ospitante. In realtà il bilinguismo è un valore aggiunto per questi ragazzi. Pertanto se la scuola deve fornire loro gli strumenti per apprendere l’italiano, la famiglia può contribuire a mantenere viva la lingua madre, attraverso un ambiente ricco di narrazioni. Lo Scaffale Circolante è pertanto una bella opportunità per aiutare genitori e figli a riscoprire insieme la propria lingua di origine.”

“L’iniziativa di accogliere anche nella biblioteca di Massa Marittima lo Scaffale Circolante si deve alla Promocultura, – dice la direttrice della biblioteca, Roberta Pieraccioli – la cooperativa che gestisce i servizi bibliotecari, e che va così ad arricchire la già ampia offerta di attività che caratterizzano la nostra struttura”.

commenta