Quantcast
Covid-19

Tampone a tutti per gli eventi, mascherina all’aperto. Ecco le ipotesi sulle nuove restrizioni

Natale albero centro storico Grosseto

GROSSETO – Manca sempre meno al Natale (e alle nuove restrizioni).

Anche se la cabina di regia è stata convocata da Mario Draghi per il prossimo giovedì 23 dicembre, il toto-divieti è già partito sprezzante delle ufficialità e delle certezze. Ancora, dunque, non c’è niente di certo su ciò che si potrà o non si potrà fare durante le feste. Di certo, ad oggi, c’è solo un elemento: il Natale rimarrà confermato per il 25 dicembre, come da tradizione.
Scherzi a parte, la situazione oggettivamente non è delle migliori: l’aumento dei casi e la variante Omicron preoccupano il Paese. Per queste ragioni, provando così ad arginare il possibile balzo dei contagi per via dei cenoni e delle feste in famiglia, il governo sta vagliando alcune ipotesi da adottare nello stretto giro.

Pare inevitabile, secondo le solite indiscrezioni, che sarà previsto l’obbligo di tampone (molecolare o rapido?) per i soggetti vaccinati che parteciperanno ai grandi eventi, come discoteche o concerti. Mentre pare che non ci sia speranza per le feste in piazza: saranno vietate.

E la mascherina? Anche qui, sembra ci sia una visione d’intenti univoca e condivisa: sarà obbligatorio indossarla anche all’aperto (anche in zona bianca).

E sulla questione pranzi, feste o incontri nelle case? In questo caso, com’è facilmente intuibile, le restrizioni non possono incidere più tanto, e forse non ci saranno variazioni sulla questione. Resta però consigliato procedere ad un tampone a ridosso dell’evento.

Da precisare che per i ristoranti al chiuso, i cinema e i teatri vale sempre (e solo) il green pass “rafforzato”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI