Quantcast
Io me lo ricordo...

Ve lo racconto io Castiglione: nel 1962 arrivano cavalli e calesse per i 100 anni delle Poste

Ve lo racconto io Castiglione

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – La mattina una strana frenesia regna a Castiglione. Molta gente davanti alle Poste, niente scuola e tutti in fila con cartoline in mano aspettando pazienti il  turno per l’annullo filatelico.

All’interno dell’Ufficio postale Vasco, il direttore, coordina le impiegate e gli impiegati per garantire a tutti l’agognato timbro.

Una sorta di autocelebrazione. Ad un tratto la frenesia si fa eccitazione. Si comincia a sentire, sempre più vicino il suono degli zoccoli dei cavalli sull’asfalto.

Il rumore è  sempre più forte e infine si intravede la sagoma dei cavalli che trainano una carrozza che ricorda “il modo” in cui viaggiava la posta un tempo.

Proviene dal Ponte Giorgini e nell’affrontare quella piccola salita subito dopo il granaio all’altezza del Monumento ai caduti si sentono le incitazioni dei due cocchieri vestiti di nero.

La carrozza arriva davanti all’ufficio postale e si arresta contornata da ragazzetti ed adulti, tutti festanti. I cocchieri scendono con aria teatrale, con una sacca sulle spalle, anch’essa nera, contenente la posta. I cavalli “schiumano”

È solo una rappresentazione ma noi ragazzi osservando ciò che accade ci sbilanciamo in esclamazioni di meraviglia: “Ooooohhhhh!”

Aspettiamo le caramelle ma non ce ne sono ed allora la meraviglia si trasforma in un po’ di delusione. Siamo nel dicembre del 1962 e si celebra il centenario delle poste italiane, presidente della Repubblica Antonio Segni.

Se volete leggere le vecchie puntate di “Ve lo racconto io Castiglione” cliccate QUI.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI