Quantcast
Massa marittima

Falusi, il Difensore civico sostiene la strategia del sindaco: «Se ne parli in consiglio comunale»

Istituto Falusi 2018

MASSA MARITTIMA – Sulla situazione dell’istituto geriatrico Falusi, il Difensore Civico regionale si dice soddisfatto delle argomentazioni che muovono la strategia adottata dal Comune di Massa Marittima e dichiara conclusa la questione per gli aspetti di sua competenza”.

Questo si legge nella lettera che è stata inviata il 25 novembre in risposta ad una nuova richiesta di intervento, avanzata il 13 novembre, dai gruppi consiliari della Lega di Massa Marittima, Gavorrano e Follonica, dalla segreteria Pci Colline Metallifere e dal capogruppo della lista civica Massa Comune. Il Difensore civico specifica di aver ricevuto dal sindaco un’ampia illustrazione degli elementi di fatto e delle ragioni giuridiche che sottendono le scelte del Comune. E ribadisce, come aveva già scritto in precedenza, che la sede opportuna per affrontare certe problematiche è il consiglio comunale.

“Le parole del Difensore civico – afferma il sindaco Marcello Giuntini – dimostrano in primo luogo che la sede deputata per indirizzare le strategie di gestione dell’Istituto, è il Consiglio Comunale, dove l’argomento è stato portato all’attenzione dei consiglieri chiedendo il contributo di tutti. Inoltre, sono state comprese le ragioni logiche, le opportunità amministrative e giuridiche che reggono la strategia dell’amministrazione comunale. Questo è un motivo in più per andare avanti nel percorso intrapreso. Un percorso teso a salvare il Falusi razionalizzando i costi e al tempo stesso preservando i livelli occupazionali e la qualità del servizio. Un tracciato ad oggi possibile solo con il Commissario”.

“Le forze di opposizione in questi mesi ci hanno attaccato in modo strumentale – prosegue Marcello Giuntini – contribuendo a creare un clima di sfiducia nei confronti dell’amministrazione comunale e del Falusi. Non ci illudiamo di ricevere delle scuse, ma almeno di trovare adesso, dopo la risposta del Difensore Civico, un atteggiamento più collaborativo e costruttivo da parte delle stesse, pur senza rinunciare alla dialettica politica. Del resto il sindaco e il Commissario, come è sempre stato, sono disponibili ad incontrare le Minoranze, qualora queste lo richiedano per approfondimenti o richieste specifiche”.

“Nei progetti dell’amministrazione comunale sul futuro del Falusi – conclude il sindaco – c’è sicuramente la nomina del nuovo Cda, ma ad oggi, come dimostrano i fatti, il Commissario rimane strategico nella gestione dei rapporti con gli istituti bancari e soprattutto nel garantire operatività e forza all’Istituto. Stiamo facendo sostanziali passi in avanti: il Commissario è riuscito a dare fiducia all’Istituto di credito, inoltre è stata chiusa la gara europea per l’affidamento di servizi, che porterà ad una strutturale razionalizzazione dei costi, e sulla quale sta lavorando la Commissione giudicatrice in questi giorni”.

commenta