Quantcast
Grosseto

De Martis: «150mila euro sfumati per le inefficienze della Giunta Vivarelli Colonna»

Carlo De Martis
Carlo De Martis

GROSSETO – «Ammontano ad oltre centocinquantamila euro le risorse che erano state destinate dal Governo al Comune di Grosseto affinché – come testualmente stabilito da un decreto legge – le erogasse “in favore delle persone fisicamente impedite o comunque a mobilità ridotta ovvero con patologie accertate” per utilizzare, attraverso ‘buoni viaggio’, taxi e servizi di noleggio con conducente.
Centoncinquantamila euro verosimilmente sfumati, almeno per la gran parte, a causa delle inefficienze della Giunta guidata da Vivarelli Colonna», a parlare Carlo De Martis, capogruppo di Grosseto città aperta nel Consiglio comunale di Grosseto.

«Correva infatti l’ormai lontano maggio del 2020 – prosegue – quando il Governo emanava il decreto legge 34/20 che, per far fronte alla fase più acuta dell’emergenza epidemiologica, conteneva interventi definiti per l’appunto come “urgenti” in materia di salute, politiche sociali, sostegno al lavoro e all’economia. Tra questi i ‘buoni viaggio’ destinati a produrre un doppio beneficio: consentire ai nostri concittadini di potersi muovere con facilità e in sicurezza evitando i mezzi di trasporto pubblico di linea in piena pandemia, e al contempo sostenere un comparto particolarmente colpito dall’emergenza Covid come quello dei taxi e dei servizi di noleggio con conducente».

«Quel decreto legge – va avanti De Martis – stabiliva tuttavia un termine per l’utilizzo dei ‘buoni viaggio’: il 31 dicembre del 2021.
Ebbene, non è bastato un anno e mezzo al Comune di Grosseto per utilizzare quelle risorse, ed è così che solo nel Consiglio comunale odierno è stata adottata una variazione di bilancio, a dir poco tardiva, che finalmente impegna quei centocinquantamila euro. Ma ancora non è finita, perché ora il Comune dovrà predisporre un bando per convertire quei soldi in ‘buoni viaggio’. Tra l’altro si tratta di centocinquantamila euro di ‘buoni viaggio’ destinati a coprire il cinquanta per cento del costo delle corse, corrispondenti dunque ad un incasso potenziale per tassisti e operatori NCC di oltre trecentomila euro. Certo risulta difficile immaginare che da qui alla fine dell’anno i grossetani che beneficeranno di questa misura potranno utilizzare i mezzi del trasporto pubblico non di linea per oltre trecentomila euro».

«Quanto accaduto nel nostro Comune con la gestione delle risorse Covid costituisce un preoccupante campanello di allarme – conclude De Martis -. A breve i comuni cominceranno a dover gestire le risorse, ben più consistenti e impegnative, del PNRR, e non ci possiamo permettere altri errori e inefficienze».

commenta