Quantcast

Oipa: «Al via la mattanza dei mufloni al Giglio. Servirà ai cacciatori ad acquisire punti»

Più informazioni su

ISOLA DEL GIGLIO – «La mattanza dei mufloni dell’Isola del Giglio servirà ai cacciatori per accumulare punti come “selecontrollori” e a utilizzare il carnaio per l’”autoconsumo”». Lo rende noto l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che diffonde il Disciplinare operativo per gli interventi di prelievo del muflone all’Isola del Giglio redatto dall’Ente Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano.

«Il disciplinare della strage all’articolo 9 prevede che gli animali uccisi possano essere destinati all’”autoconsumo” dei cacciatori, o di coloro che sarebbero stati danneggiati dai mufloni, come indennizzo, o dell’Ente Parco stesso. L’uccisione dei mufloni servirà anche per la sanguinaria “raccolta punti” dei cacciatori. L’articolo 8 assegna 3 punti per ogni capo abbattuto in tecnica singola, 0.25 punti per le uccisioni in tecnica collettiva e persino 0,5 punti a colpo per i colpi a vuoto».

«Se non fosse per il contesto tragico, verrebbe da sorridere – commenta Massimo Comparotto, presidente dell’Oipa -. Finora le numerose proteste di associazioni, comitati e singoli cittadini a difesa dei mufloni non hanno sortito alcun effetto su chi ha deciso la mattanza, ma non possiamo abbassare la guardia. Chiediamo all’Ente Parco e alla Regione Toscana un ripensamento che salvi le poche decine di mufloni presenti nell’isola, come richiesto dall’opinione pubblica, e a vantaggio dell’immagine stessa del Parco dell’Arcipelago toscano».

L’Oipa valuterà nelle sedi sia nazionali che comunitarie se tale progetto sia rispettoso delle leggi italiane ed europee. «Pensiamo anche di rivolgere una segnalazione alla Corte di Giustizia ambientale per verificare che nel presentare il Progetto per il bando Life siano stati coinvolti anche la cittadinanza e le associazioni ambientaliste locali», aggiunge il presidente dell’Oipa.

Più informazioni su

Commenti