Quantcast

Edilizia, sull’Amiata nasce lo sportello telematico: pratiche più veloci

AMIATA – L’Unione dei Comuni montani dell’Amiata Grossetana, che svolge il servizio associato di Edilizia privata e Urbanistica per le amministrazioni del territorio, ha creato uno sportello telematico per gestire le istruttorie relative al rilascio di pareri ed autorizzazioni secondo la normativa vigente.

Lo sportello telematico è uno strumento per snellire le relazioni tra i professionisti, le imprese, i cittadini e la pubblica amministrazione con il quale si possono presentare le pratiche in modalità completamente digitale, rispettando e attuando le nuove disposizioni legislative previste in materia di semplificazione e trasparenza Amministrativa e dal nuovo codice dell’amministrazione digitale.

Dal 1 gennaio 2022 tutte le pratiche edilizie dovranno necessariamente essere caricate, da parte dei tecnici abilitati, sulla nuova piattaforma digitale allestita dal Gruppo Maggioli ed il cui funzionamento sarà spiegato nei dettagli da uno specifico corso di formazione rivolto ai professionisti del settore (ingegneri, architetti, geometri, periti agrari) il giorno martedì 30 novembre, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 in modalità online.

Al corso, che grazie a specifiche convenzioni con i rispettivi Ordini, garantisce anche due crediti formativi, si accede tramite iscrizione sul sito www.globogis.it e successivamente verranno fornite le credenziali per partecipare alla videoconferenza, che ovviamente permetterà anche di interagire e porre delle domande.

“L’amministrazione comunale di Arcidosso invita quindi tutti i professionisti e tecnici abilitati a partecipare al corso e scoprire le novità e, soprattutto, le opportunità messe a disposizione dello sportello telematico”, ha dichiarato l’assessore Rachele Nanni.

“Questo rappresenta un tassello ulteriore nella digitalizzazione della nostra Pubblica amministrazione: dopo l’anagrafe anche il settore edilizia viene incontro alle esigenze dei cittadini, basta con le file e basta far muovere le persone, a muoversi devono essere le pratiche. E adesso basterà un click.”

Commenti