Quantcast

Anche Roccastrada aderisce all’iniziativa “Un albero per il futuro”

 Comune e istituzione scolastica hanno accolto con entusiasmo la proposta dei Carabinieri Forestali

Più informazioni su

ROCCASTRADA – Oggi, lunedì 22 novembre, in occasione della Festa Nazionale dell’Albero che si celebra il 21 novembre, l’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Istituto Comprensivo ed i Carabinieri Forestali, ha messo a dimora una pianta nello spazio verde limitrofo al plesso scolastico di Roccastrada. La cerimonia si è svolta alla presenza dei bambini della scuola  di Via Salvo d’Acquisto.

Anche Roccastrada ha così aderito all’iniziativa “Un albero per il futuro”, in continuità con il progetto nazionale che prevede la donazione e la messa a dimora da parte dei Carabinieri Forestali di 50 mila piantine nelle scuole di tutta Italia. Un progetto promosso dai Carabinieri Biodiversità in collaborazione con il Ministero della Transizione ecologica, con l’obiettivo di creare in Italia, un grande bosco diffuso, attraverso la donazione alle scuole di piante autoctone  ed orientato allo sviluppo della consapevolezza negli studenti dell’importanza degli alberi per il contenimento dei cambiamenti climatici.

E’ stata un’occasione – queste le parole dell’assessore alla Pubblica Istruzione Elena Menghiniper trasmettere ai bambini un importante messaggio, attraverso una piacevole esperienza che li ha coinvolti in maniera attiva. Saranno loro a prendersi cura della pianta che crescerà nel cortile della loro scuola. Un messaggio importante che arriva in un momento in cui è necessario che ciascuno per la propria parte adotti comportamenti responsabili per la difesa del pianeta. Crediamo che il modo più efficace per trasmettere questi messaggi, sia proprio farlo attraverso il coinvolgimento della scuola dove bambini e ragazzi formano le proprie conoscenze”.

I presenti si sono dati appuntamento al prossimo anno per celebrare la ricorrenza della festa dell’albero e ripetere questo gesto simbolico che sicuramente resterà impresso nella mente dei bambini che hanno partecipato.

Più informazioni su

Commenti