Quantcast

Settimana dell’albero: la scuola pianta alberi da frutto nell’orto didattico

Più informazioni su

GROSSETO – Per celebrare la Giornata nazionale dell’albero, nella settimana da 22 al 27 novembre, le scuole dell’istituto comprensivo Grosseto 4, scuola capofila a livello provinciale delle scuoleGreen, realizzeranno molte attività volte a sensibilizzare gli alunni al rispetto e alla salvaguardia dell’ambiente.

Dalla scuola dell’infanzia Papa Giovanni XXIII, alle due scuole primarie fino alla scuola secondaria di primo grado, in tutte le classi si svolgeranno delle attività per creare una sana coscienza ecologica nelle nuove generazioni che si troveranno ad affrontare problemi ed emergenze ambientali sempre nuove. La settimana dell’albero avrà una cerimonia di apertura, lunedì 22 novembre alle ore 10,30, durante la quale saranno messi a dimora, nell’orto didattico di viale Einaudi, alcuni alberi da frutto, alla presenza di autorità locali e di alcune classi, una per ordine di scuola in rappresentanza di tutto l’Istituto.

L’evento, voluto dalla dirigente Annamaria Carbone, sarà introdotto dal coro delle classi quinte della scuola Primaria diretto da Alberto Solari con il canto “Acqua Fuoco, Terra e Aria”, la lettura da parte dei ragazzi di un brano tratto dall’Enciclica “Laudato sì” di papa Francesco e canti e filastrocche delle diverse classi.

Settimana albero Istituto Comprensivo Grosseto 4 via Einaudi

Sarà un momento festoso e di speranza in un luogo particolare della nostra scuola: l’orto didattico voluto, realizzato e arricchito grazie al lavoro quotidiano di alunni, insegnanti e di un gruppo di genitori che hanno donato il loro tempo e la loro professionalità per realizzare questo luogo che è divenuto per il nostro istituto una tra le opportunità formative più efficaci e coinvolgenti per i bambini e ragazzi. La realizzazione e la cura dell’orto ha permesso ai bambini e ragazzi di sviluppare competenze sociali, di rafforzare il lavoro di gruppo e la responsabilità individuale, di favorire dialogo e scambio intergenerazionale e ha fornito, soprattutto ai più grandi, elementi per valutare la sostenibilità.

Più informazioni su

Commenti